Inter, Marotta fa i conti: ha i soldi per arrivare a Dybala

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·1 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Paulo Dybala all'Inter. Un'idea, difficile, ma assolutamente credibile. Non tanto per la disponibilità della Joya, che al momento continua a dare la priorità al rinnovo con la Juventus, ma per quello che dicono i numeri. I conti, per l'esattezza, che Marotta ha fatto, per capire se l'operazione è sostenibile, se, in caso di luce verde da parte dell'argentino, l'Inter può permettersi l'investimento. Che sarà comunque corposo, anche se Dybala va in scadenza e non è necessario pagare il costo del cartellino. Oltre alla ricca commissione al suo agente Antun ci sarebbe infatti da garantire all'attuale 10 bianconero un contratto da 10 milioni di euro netti, bonus compresi.

COME SI PAGA - Tanti soldi per l'Inter, che vuole abbassare il monte stipendi, che ha necessità di rispettare gli equilibri finanziari. Ma che fiuta l'affare, con un dirigente navigato come Marotta, esperto in colpi a parametro zero. I conti tornano, un assist prezioso può arrivare dai contratti pesanti in scadenza. A giugno i nerazzurri saluteranno infatti Vidal e Vecino, liberandosi così di 9 milioni netti di stipendio (6,5 il cileno, 2,5 l'ex Fiorentina). L’addio di Eriksen è stata una minusvalenza per il bilancio, ma un risparmio di altri 7,5 milioni netti di ingaggio. A questi bisogna aggiungere Sanchez, in scadenza a giugno 2023, che può essere salutato a giugno pagando una buonuscita di 4,5 milioni. Il risparmio sarebbe di altri 2,5 (il cileno oggi ne guadagna 7 netti). I soldi per pagare lo stipendio a Dybala ci sarebbero già, ma non è detto che siano sufficienti per portarlo a Milano.

Guarda la Serie A TIM su DAZN. Attiva ora

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli