EuroLandia

Alla scoperta del calcio nordcoreano…

EuroLandia

Visualizza foto

.
Puntata speciale di EuroLandia, dedicata a un mondo semisconosciuto come quello del calcio nordcoreano. Ai Mondiali di Sudafrica 2010 la nazionale guidata da Jong Tae-Se (il "Rooney asiatico", ricordate?) fece parlare di sé in tutto il mondo, ma ora come sta proseguendo la crescita del movimento? L'abbiamo chiesto a Marco Bagozzi, autore di un libro recentissimo a riguardo.

***

- C'è stato un episodio particolare che ti ha spinto a iniziare le tue ricerche e quindi a scrivere un libro sul calcio nordcoreano?

Tutto è partito con il Mondiale 2010: la curiosità mi ha spinto a cercare maggiori informazioni su questa squadra "sconosciuta". Ho cominciato a raccogliere risultati, storie, ho trovato calciatori che hanno giocato e che giocavano in Europa, ho scoperto che esistono altri appassionati, ho visto il documentario inglese "The game of their Lives" e ho lanciato il blog "Chollima Football Fans". La volontà di far conoscere questa storia mi ha quindi spinto a scrivere un breve saggio. Quando ho visto che le pagine cominciavano a diventare troppe, ho raccolto altro materiale ed è partorita l'idea del libro, che ho scelto di pubblicare senza editore per non rispondere a criteri "di mercato".

- Dopo il Mondiale 2010, le lacrime di Jong Tae-Se e tutto il circolo mediatico che venne creato accanto ad esse, il calcio nordcoreano è cambiato?

Innanzitutto devo fare una doverosa premessa: in Corea il calcio e lo sport in generale non hanno la stessa valenza che hanno qui in Occidente. Da loro, anche grazie al dilettantismo di stato socialista, la mercificazione della prestazione sportiva è praticamente nulla. Gli aspetti più importanti sono quello formativo ed educativo. Per questo motivo è difficile "comprare" i giovani talenti coreani: ad un giornalista italiano che chiedeva informazioni su un giocatore il mito Pak Doo Ik rispose: "Venderei un mio calciatore ad una squadra italiana? Da noi non si vendono le persone". Nonostante ciò il calcio è cambiato. Ora sono sei i nordcoreani che giocano in Europa e le prospettive di vederne altri nei prossimi anni è molto alta, anche se le difficoltà sono molte visto che sono pochi i paesi che riconoscono l'RPDC a livello diplomatico (tra questi c'è l'Italia). E cambierà ancora, soprattutto dopo l'impresa della nazionale contro il Giappone (vittoria 1-0 e fine della striscia positiva della nazionale di Zaccheroni): il tifo "inusuale"per una partita (chi è abituato a vedere le immagini provenienti da Pyongyan noterà un entusiasmo mai visto prima) e le grandi feste porteranno certamente ad uno sforzo del governo, alle prese con il cambio di potere e con le celebrazioni per il 100esimo anniversario della nascita di Kim Il Sung, anche nel mondo del calcio. In fin dei conti, l'apertura del "mercato"nordcoreano è uno spot anche per il governo oltre che un'ottima palestra per i giovani talenti.

- Si parlò poi molto anche dei "giocatori torturati" e del ct "costretto ai lavori forzati" dopo il flop sudafricano. Voci che però tu smentisci nel libro: come andò veramente?

Innanzitutto la  notizia proveniva da una "fonte anonima"e fu riportata da agenzie sudcoreana e da Radio Free Asia, finanziata dal Congresso Usa, e c'è un'inchiesta della FIFA che smentisce le punizioni. Poi abbiamo diverse testimonianze dei giocatori e la riconferma dell'intera rosa per la Coppa d'Asia di pochi mesi dopo. Kim Jong-Hun, l'allenatore "costretto a lavorare in un cantiere edile", è allenatore della seconda squadra dell'esercito (il Sobaeksu). Inoltre dobbiamo pensare, per i motivi elencati sopra, che il calcio non è seguito con la stessa morbosità con cui viene seguito in Occidente. Anzi, in Corea è sicuramente meno seguito rispetto a Taekwondoo e Tennis Tavolo, gli sport nazionali: le discussioni sui risultati della nazionale hanno riscosso più interesse da noi che in Corea.

- Ci sono dei giovani nordcoreani che reputi pronti (già ora o in prospettiva) a sfondare nel calcio europeo?

Innanzitutto c'è il mio preferito: il difensore centrale Ri Kwang-Chon, 26 anni. Attualmente è il capitano della nazionale. Forte fisicamente e dotato di ottimo senso della posizione. Secondo me è già pronto per giocare in Europa. Tra i più giovani il più quotato è l'attaccante Jong Il-Gwan, miglior giovane asiatico nel 2010. Seconda punta veloce e talentuosa, lavorandoci sopra può diventare un ottimo prospetto anche per il calcio di alto livello. Tra i difensori va seguito Jang Song-Hyok, classe 1991. E non dimentichiamo che a livello giovanile la RPD Corea è campione di tutto in Asia: nel 2010 ha conquistato il titolo continentale sia nell'Under-16 sia nell'Under-19.

- Dopo questo libro, hai intenzione di proseguire le tue ricerche sul calcio nordcoreano e/o ti concentrerai anche su altre realtà del calcio asiatico?

Indicativamente il libro è uno work-in-progress, c'è quindi l'idea di sviluppare la ricerca, magari con l'aiuto dei coreani, con i quali sto cominciando a stringere i rapporti, nonostante la diffidenza. Già in questi giorni sto raccogliendo nuovo materiale.

Vuoi acquistare il libro? Clicca qui!

Ci dispiace che questo commento non ti sia piaciuto. Fornisci una motivazione di seguito.

Confermi?
Valutazione non riuscita. Riprova.
Richiesta non riuscita. Riprova.
Promuoveremo i commenti costruttivi e intelligenti nella parte superiore in modo che tutti li vedano!
Impossibile caricare i commenti in questo momento. Riprova.