• Avevamo bisogno di un'altra app d'incontri? Nel dubbio Facebook lancia Dating (per trovare l'amore)
    Elle Italy

    Avevamo bisogno di un'altra app d'incontri? Nel dubbio Facebook lancia Dating (per trovare l'amore)

    La nuova funzione di Facebook promette di trovare l'amore con la A maiuscola...

  • Askanews

    Giro d'Italia, tappa allo sloveno Tratnik, Almeida in rosa

    Battuto in uno sprint a due l'australiano Ben O'Connor

  • Ciclismo: Giro d'Italia, maglia rosa 'green' in filato riciclato
    Adnkronos

    Ciclismo: Giro d'Italia, maglia rosa 'green' in filato riciclato

    La maglia rosa del Giro d'Italia diventa 'verde'. Per la prima volta nella storia di un grand tour, le quattro maglie del Giro d'Italia sono state realizzate con un filato riciclato in poliestere derivato principalmente dal recupero di bottiglie di plastica. Il tessuto è stato prodotto da Sitip Spa, azienda bergamasca leader mondiale nella produzione di tessuti tecnici indemagliabili e circolari per il comparto tessile tecnico. La maglia rosa, così come la maglia ciclamino, la maglia azzurra e la maglia bianca che indosseranno i campioni delle rispettive classifiche (generale, punti, scalatori e under 25), sono realizzate in tessuto Sitip ottenuto da filati riciclati certificati GRS - Global Recycled Standard: una certificazione internazionale e volontaria del settore tessile, che garantisce che i prodotti sono ottenuti da materiali di riciclo e che in tutta la filiera produttiva sono stati rispettati criteri ambientali e sociali.  Non è la prima volta che Sitip punta su progetti sostenibili. Negli ultimi anni Sitip ha investito oltre 25 milioni di euro per attuare una produzione ecosostenibile globale, che va dalla ricerca e sviluppo di nuove tecniche e materiali green, fino a diversi investimenti strutturali, come l’ottimizzazione e l’accorpamento di superfici e impianti produttivi, l’installazione di tre impianti abbattifumo di ultima generazione e di un nuovo sistema di cogenerazione. I filati riciclati utilizzati per le maglie del Giro sono uno dei tanti elementi che denotano l’attenzione dell’azienda di Cene per l’ambiente. La produzione stessa di Sitip utilizza sostanze chimiche a ridotto impatto ambientale, ma non solo. Nella voce 'sostenibilità' rientrano anche i periodici controlli delle materie prime e dei processi, oltre alla ricerca e sviluppo di nuove pratiche produttive sostenibili. L’attenzione per l’ambiente arriva anche dall’adesione a collaborazioni esterne, a livello di filiera, sempre per ridurre e compensare le emissioni di CO2 -come ad esempio il Programma Carbon Neutrality attivato in collaborazione con Alcantara o la partecipazione all’iniziativa Seaqual per il recupero delle plastiche marine. Oltre al Grs - Global Recycle Standard, l’azienda è certificata secondo gli standard ISO 9001-2015 (sistemi di gestione per la qualità), ISO 14001 (sistemi di gestione ambientale), Bluesign (per una produzione rispettosa dell’ambiente e per l’utilizzo di sostanze chimiche sicure), Oeko-Tex (per tessuti e produzioni ecocompatibili e privi di sostanze nocive). Da maggio 2020 inoltre, Sitip aderisce ed è iscritta alla piattaforma ZDHC, un rigoroso programma per lo sviluppo di processi chimici più sicuri all’interno della filiera tessile. A produrre le Maglie destinate ai ciclisti primi in classifica al Giro d’Italia è la Manifattura Valcismon di Fonzaso (BL) attraverso il marchio Castelli.