• Mosca nega l'ingresso ai voli che aggirano la Bielorussia
    AGI

    Mosca nega l'ingresso ai voli che aggirano la Bielorussia

    AGI - Mosca entra nel braccio di ferro tra Bielorussia e Ue, scoppiato in seguito al dirottamento su Minsk del volo Ryanair Atene-Vilnius con a bordo l'oppositore Roma Protasevich. Due voli Air France Parigi-Mosca e uno della Austrian Airlines Vienna-Mosca, che dovevano viaggiare tra ieri sera e oggi su rotte che aggiravano lo spazio aereo della Bielorussia, come suggerito dalle autorità competenti europee, sono stati cancellati perché la Russia non ha autorizzato l'ingresso. Lo riportano France Info e l'agenzia Interfax, secondo cui la stessa Air France ha spiegato di non aver ricevuto il permesso di ingresso nello spazio aereo della Federazione. Una fonte di Interfax ha spiegato che formalmente i collegamenti aerei regolari tra Francia e Russia non sono ripresi, a causa delle restrizioni legate al Covid, e per questo ogni volo "richiede un'approvazione separata da parte delle autorità russe dell'aviazione". Sollecitato dai giornalisti sulla questione, il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov ha invitato a rivolgersi alle autorità responsabili dell'aviazione. "L'amministrazione presidenziale non è coinvolta nel controllo del traffico aereo", ha commentato lapidario. L'appello dei Paesi del G7 I ministri degli Esteri dei Paesi del G7 si sono schierati dalla stessa parte del dissidente Roman Protasevich: "Chiediamo il suo rilascio immediato e incondizionato così come quello di tutti gli altri giornalisti e prigionieri politici detenuti in Bielorussia", hanno detto i ministri in una dichiarazione congiunta pubblicata dal governo britannico. La cirisi internazionale, intanto, ha causato le prime ripercussioni nel mondo dello sport. I campionati Europei di ciclismo su pista, programmati dal 23 al 27 giugno a Minsk, sono stati ufficialmente cancellati. Lo ha annunciato l'Unione europea di ciclismo (UEC) prendendo atto "dell'attuale situazione internazionale".

  • Gruppo Cap al fianco dei Comuni della Città metropolitana di Milano per il Giro d’Italia
    Adnkronos

    Gruppo Cap al fianco dei Comuni della Città metropolitana di Milano per il Giro d’Italia

    In occasione del passaggio del Giro d’Italia 2021, del Giro-E, del Giro d’Italia Handbike e del Giro d’Italia donne, la Città Metropolitana di Milano inforca le due ruote e Gruppo Cap scende al fianco dei Comuni che ospiteranno alcuni degli eventi e delle manifestazioni ciclistiche più importanti e seguite d’Italia. Per sostenere il territorio, le buone pratiche a favore dell’ambiente, lo sport e i valori che lo caratterizzano, come inclusività e diversità di genere, ma anche la passione dei sempre più numerosi fan del ciclismo nelle sue varie specialità. “Il ciclismo è da sempre lo sport che più di ogni altro si relaziona al territorio e alle sue persone promuovendone la bellezza e le storie che lo caratterizzano, afferma Alessandro Russo, presidente e amministratore delegato di Gruppo CAP. In un periodo come questo abbiamo bisogno di credere nelle nostre possibilità e di lavorare per ripartire tutti insieme. CAP a sostegno di iniziative come queste sarà sempre in prima linea”. Da Abbiategrasso a Senago, da Pioltello a Sesto San Giovanni a Carugate, il gestore del servizio idrico integrato che presidia il territorio, in occasione delle tappe “milanesi” del Giro porterà il suo Water Truck per sensibilizzare cittadini e atleti all’utilizzo dell’acqua del rubinetto a km 0, buona e di qualità, nel segno del plastic free. Si comincia da Abbiategrasso, il prossimo venerdì 28 maggio, cornice della partenza della 19° frazione del Giro d’Italia. Gruppo CAP sarà sponsor del comitato di tappa, che vedrà i ciclisti percorrere ben 173 km, con alcune cime molto ardue da scalare, tra cui il Mottarone e l’Alpe di Mera, in Valsesia, dove è collocato l’arrivo. La carovana rosa tornerà poi alle porte di Milano due giorni dopo, il 30 maggio, per la 21° tappa, la tradizionale cronometro finale, che quest’anno partirà da Senago, dove Gruppo Cap è sempre sponsor del comitato di tappa, per arrivare all’ombra della Madonnina 30 km dopo. Sempre quel giorno si terrà anche l’ultima tappa del Giro d’Italia in e-bike, il Giro-E, che partirà verso Milano da Sesto San Giovanni, dove il Water Truck sarà a disposizione dei cittadini e degli atleti. L’impegno dell’azienda pubblica proseguirà, poi, anche nelle settimane successive nel nome della passione per la bicicletta. L’azienda, infatti, sosterrà i Comuni della Città Metropolitana che ospiteranno il Giro d’Italia Handbike, che partirà il prossimo 6 giugno, e il Giro d’Italia Donne che prenderà il via il 2 luglio. Il Giro d’Italia Handbike farà tappa a Pioltello il 20 giugno e in quell’occasione Cap sarà nuovamente sponsor di tappa, mentre il Giro d’Italia Donne approderà in Lombardia il 6 luglio per la frazione Milano-Carugate e proprio a Carugate Gruppo CAP sarà nuovamente sponsor di tappa. Quello di Gruppo Cap è un impegno che si colloca nel solco di una tradizione che ha visto negli anni il gestore del servizio idrico della Città Metropolitana sostenere lo sport come strumento educativo e di crescita tra i ragazzi, come veicolo di promozione dei valori di sostenibilità, inclusione e diversità di genere. L’esempio più concreto è Valori in Campo, che giunto quest’anno alla sua quarta edizione, nasce con l’intento di sostenere le società sportive locali premiando i progetti e i tornei più inclusivi e sostenibili dell’area metropolitana.

  • Biografia di Davide Cassani, ex campione di ciclismo su strada
    notizie.it

    Biografia di Davide Cassani, ex campione di ciclismo su strada

    Ciclista professionista dal 1982 al 1996, poi dirigente sportivo e commentatore televisivo per la Rai: chi è Davide Cassani?