Abidal e il tumore: 'Messi mi disse: non vogliamo vederti, ci fa male'

Nell’intervista concessa a Canal Plus l’ex difensore del Barcellona racconta della sua lotta contro la malattia e delle parole di Messi. Immediate le polemiche e le accuse via social alla reazione della “Pulce”.

Periodo buio

L’ex difensore francese del Barcellona Eric Abidal si racconta, emoziona e scatena la polemica. Lo fa in un’intervista rilasciata a Canal Plus nella quale parla del periodo più buio della sua vita: la battaglia, poi vinta, contro un tumore al fegato diagnosticato nel marzo 2011. (foto Twitter)

La sofferenza

“Un dolore che ricorderò per tutta la vita, come un coltello in una ferita aperta. Quando il dottore mi disse che avrei dovuto fare un’operazione paradossalmente ero felice. Una sofferenza che non auguro a nessuno”, ha raccontato Abidal. (foto Twitter)

L’accusa

Il racconto del francese però prende una piega inaspettata, riservando un’accusa pesante alla stella della sua ex squadra, Leo Messi. “Cercavo di rassicurare i miei compagni e decisi di inviare un video prima di una partita, dicendo loro di non preoccuparsi per me, nonostante fossi molto magro”, ha ricordato il francese. (foto Twitter)

Le parole di Messi

“Sapete cosa mi disse Messi? – prosegue Abidal lasciando tutti di stucco – Di non inviare più cose del genere perché li faceva stare male. Io cercavo di incoraggiarli, ma loro mi dicevano che mi vedevano come un cadavere e che li turbavo”. Parole pesanti che hanno provocato parecchie polemiche e numerosi attacchi da parte di media e tifosi nei confronti dell’argentino. (foto Twitter)

Marcia indietro

A poche ore di distanza però Abidal ha voluto fare chiarezza, precisando il senso delle sue affermazioni con un post su Twitter: “Quando ho mandato il video per incoraggiare la squadra, Leo Messi non mi ha mai detto di non mandargli più cose del genere o che non voleva saperne nulla”, ha specificato il francese. “Non gli piaceva vedermi in quello stato, ma in nessuna occasione ha avuto cattive parole nei miei confronti”. (foto Twitter)

Amico Thierry

Nel frame ritwittato da Canal Plus, Abidal racconta anche che quando era in cura a New York: “Thierry Henry, mio amico, fu l’unico giocatore che venne a trovarmi: ma quando lo vidi in fondo al corridoio, cominciai a piangere. Non volevo mi vedesse in quelle condizioni”. (foto Twitter)

La rinascita

Una storia fatta di dolore ma anche di grande voglia di rinascere. Abidal fortunatamente ce l’ha fatta, tornando in campo e sollevando la Champions League con i blaugrana appena due mesi dopo. (foto Twitter)

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità