Ancelotti chiude alla nazionale: “Voglio allenare un club”

L’ex allenatore del Milan spegne le speranze dei tanti che lo vorrebbero alla guida degli azzurri, ribadendo il suo interesse a continuare la carriera come allenatore di club. E su un possibile ritorno in Italia dice: “Mi piacerebbe”.

No agli azzurri

“Io in Nazionale? No, significherebbe cambiare mestiere” ha dichiarato Carlo Ancelotti, ospite alla Domenica Sportiva”. (foto Instagram)

Grazie dell’interesse

“Mi onora il fatto che tutti gli italiani mi vogliano – ha proseguito Ancelotti – ma io voglio continuare ad allenare una squadra di club”. (foto Instagram)

Non è lui la soluzione

Ancelotti ha analizzato lo stato del nostro pallone: “Il calcio italiano ha dei problemi e non credo che possa risolverli solo io, è una questione di sistema”. (foto Instagram)

Non siamo al livello

Il tecnico nelle ultime stagioni ha allenato in tutti i maggiori campionati europei e dice con certezza che “Il calcio italiano, al momento, non è al livello del suo omologo spagnolo, tedesco o inglese”. (foto Instagram)

Contatto con la Figc

Ancelotti ha ammesso di essere entrato in contatto con la Figc dopo la mancata qualificazione ai mondiali, ma di non aver sentito Tavecchio. (foto Instagram)

Il conflitto di interessi

Secondo il tecnico, “La Figc deve predominare sulle squadre per migliorare il sistema e i club devono aiutare la federazione”, ma in mezzo c’è un conflitto di interessi tra le parti. (foto Instagram)

Milan? Nessun contatto

Dopo aver confermato di non essere stato interpellato dalla nuova proprietà rossonera, Ancelotti ha aperto a un futuro ritorno in Italia: “Mi piacerebbe. La Juve sta facendo cose straordinarie. Stimo molto Andrea Agnelli”. (foto Instagram)

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità