Chi vincerà il mondiale di F1 2017? Ecco i favoriti e gli outsiders della nuova stagione

La stagione di F1 sta per cominciare. Il 26 marzo scatterà infatti da Melbourne la prima gara dell’anno. Nuovi regolamenti (più peso all’aerodinamica, gomme più grandi e partenze non più assistite) e nuove coppie (Hamilton-Bottas alla Mercedes, ad esempio) renderanno il campionato 2017 un po’ più incerto soprattutto nelle primissime gare. Abbiamo chiesto ad Alex Fontana, pilota svizzero-ticinese che commenta le gare per la televisione svizzera italiana e che ha svolto qualche anno fa un test con la Lotus, il classico “parere dell’esperto”.

Al via la stagione di F1: chi vincerà? Ecco i pronostici

La stagione di F1 sta per cominciare. Il 26 marzo scatterà infatti da Melbourne la prima gara dell’anno. Nuovi regolamenti (più peso all’aerodinamica, gomme più grandi e partenze non più assistite) e nuove coppie (Hamilton-Bottas alla Mercedes, ad esempio) renderanno il campionato 2017 un po’ più incerto soprattutto nelle primissime gare. Abbiamo chiesto ad Alex Fontana, pilota svizzero-ticinese che commenta le gare per la televisione svizzera italiana e che ha svolto qualche anno fa un test con la Lotus, il classico “parere dell’esperto”.

Mercedes favorita d’elezione

La Mercedes, seppur orfana di Rosberg, vince il mondiale piloti e quello costruttori da tre anni di fila. Continuerà anche quest’anno? “Aveva così tanto vantaggio negli anni precedenti che anche se non avesse migliorato sarebbe comunque in lizza. Ma a giudicare dai test la macchina è migliorata eccome… Non ci sarà la supremazia vista negli anni precedenti, ma parte da un livello eccelso”. (AP)

La Rossa dietro

“Direi che subito dietro alla Mercedes c’è la Ferrari. Anche se i test sono spesso caratterizzati da risultati bizzarri, la Ferrari sembra andare davvero bene. Non hanno avuto problemi, hanno percorso tanti chilometri e sembrano consistenti. Non credo molto ai temponi che hanno fatto, ma rispetto all’anno scorso sono messi sicuramente meglio”. (AP)

Red Bull sempre pericolosa

“La Red Bull forse si è un po’ nascosta. Di sicuro a livello organizzativo è una delle migliori, e dunque di conseguenza anche se dovesse partire lentamente avrà sicuramente lo spazio per farsi vedere al top nel corso della stagione. Mercedes, Ferrari e Red Bull partono da un gradino sopra rispetto tutte le altre scuderie, per cui i titoli andranno al 99% nelle loro bacheche”. (AP)

Williams 4° forza

“La Williams-Mercedes ha un ottimo pacchetto: il motore va forte e aerodinamicamente è messa bene in pista. Purtroppo non hanno testato tutto quello che potevano perché per via dei guai di gioventù di Lance Stroll hanno perso molto tempo prezioso. A tal proposito, Stroll potrebbe fare più fatica rispetto agli ultimi debuttanti: le macchine saranno più faticose da guidare, con curve percorse più velocemente e frenate più tardive”. (AP)

Force India

“La Force India dovrebbe confermare quanto di buono ha fatto vedere l’anno scorso, ma la vedo un gradino sotto la Williams per quanto visto nei test. Di sicuro si farà notare per la livrea. Sicuramente le gare saranno più belle dal punto di vista cromatico, si spera di poter dire la stessa cosa anche sullo spettacolo delle gare in sé”. (AP)

Haas F1 Team

“Dietro alle prime cinque scuderie si apre il gruppo di metà classifica, che sarà a mio modo di vedere molto serrato. Tra questi team vedo un po’ meglio la Haas, la scuderia americana che è alla sua seconda stagione in F1”. (AP)

Renault

“Nonostante i buoni tempi sul giro secco, la Renault non mi ha particolarmente impressionato in generale – sebbene qualche cosa di positivo l’abbia fatto vedere. Di sicuro è andata avanti rispetto al 2016, quando la macchina a disposizione era molto poco competitiva”. (AP)

Sauber

“La Sauber, nonostante le difficoltà economiche, potrebbe essere una sorpresa, soprattutto a inizio della stagione”. (AP)

Toro Rosso

“La squadra di Faenza non mi è sembrata molto in palla, e molto probabilmente sarà a fondo classifica. Gli altri team hanno fatto vedere molto di più”. (AP)

McLaren

“Il fatto che ci sia dietro Honda come motorista anche stavolta non aiuterà. Hanno fatto meno chilometri, si fermavano ripetutamente davanti ai box di Barcellona con delle velocità di percorrenza molto basse. Con questi motori, non raggiungere le temperature d’esercizio ottimali è dannoso per tutto il sistema: per questo motivo hanno avuto tanti guasti. Dopo tre anni a inseguire li vedo ancora malissimo, e non so se avranno lo spazio per recuperare lo svantaggio”. (AP)

Alex Fontana

Alex Fontana ha provato la Lotus F1 nel 2013 e da anni commenta le gare del mondiale sulla RSI (Radiotelevisione Svizzera Italiana). Dopo l’esperienza nelle ruote scoperte (F3, F2 e GP3) ora il pilota di Lugano si divide tra le GT (nel 2017 correrà nel campionato Blancpain GT Endurance Cup) e le vetture turismo (sarà pilota ufficiale Kia in alcuni appuntamenti del campionato cinese turismo).

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità