Felipe Melo e Marouani Fellaini, follia in campo. Loro e gli altri giocatori più cattivi della storia

Primo Piano

Felipe Melo non ha perso il vizio: durante il post-partita di Penarol-Palmeiras in Copa Libertadores ha colpito al volto un avversario, prima di essere inseguito dai rivali “assetati” di vendetta. Non è stato da meno Marouane Fellaini, che ha sferrato una clamorosa testata a Aguero durante il derby di Manchester. Due dei giocatori più feroci in campo, ma sono in ottima compagnia….

Felipe Melo

Pare che la causa scatenante sia stato un fallo, o forse una parola di troppo del giocatore del Penarol. In ogni caso, la reazione di Felipe Melo è stata a dir poco eccessiva: l’ex Inter ha colpito al volto l’avversario, finendo per essere rincorso dalla tifoseria. Un episodio putropppo non isolato nella carriera del centrocampista, già noto per la sua irascibilità. (Foto: Twitter)

Maroune Fellaini

Nel derby di Manchester, Marouane Fellaini è riuscito ad aggiudicarsi ben 2 cartellini in soli 19 secondi. Dopo un primo fallo, ha letteralmente aggredito Aguero, sferrandogli una testata. Fellaini si riconferma un giocatore feroce in campo: il belga usa spesso la testa (in senso letterale) per risolvere i contrasti. (Foto: Instgram)

Paolo Montero

Il giocatore più temuto della Serie A, con 21 cartellini che gli valgono il record di espulsioni. Di Biagio si ricorda ancora il pugno che El Pigna gli ha sferrato in faccia. (Foto: Twitter)

Claudio Gentile

Di “Gentile” c’è solo il cognome. Le sue marcature erano tanto strette e asfissianti da annullare praticamente l’avversario. (Foto: Twitter)

Vinnie Jones

Espulso ben 12 volte in carriera, Vinnie Jones detiene anche il record del cartellino più veloce della storia: 3 secondi. Grosso e cattivo, in campo era una vera furia. (Foto: Twitter)

Marco Materazzi

“Ne uccide più la lingua che la spada”. E’ proprio vero, soprattutto nel caso di Marco Materazzi. Durante la finale di Germania 2006, qualche insulto ben assestato ha scatenato l’ira e la conseguente espulsione di Zidane. E l’italia ha vinto il Mondiale. (Foto: Twitter)

Gerardo Bedoya

Gerardo Bedoya è detentore di un record, del quale lui stesso non va molto fiero: ha collezionato ben 41 cartellini rossi, stabilendo un primato nel campionato colombiano. Della sua aggressività in campo ne sa qualcosa Jhonny Ramirez, preso a gomitate e a calci in faccia proprio da Bedoya. L’episodio costò al Gladiator ben 15 giornate di squalifica. (Foto: Twitter)

Sebino Nela

Se lo chiamavano l’Incredibile Hulk ci sarà un motivo. Le liti con Di Canio e il dito medio all’allenatore del Dundee sono indimenticabili, come il coro “Picchia Sebino” che gli dedicarono i tifosi della Roma. (Foto: Twitter)

Fernando Couto

La sua ferocia nei contrasti è leggendaria: Fernando Couto non si fermava davanti a niente pur di conquistare la palla. (Foto: Twitter)

Thomas Gravesen

Il record di espulsioni in Premier League è saldo nelle mani di Thomas Gravesen. Aggrssivo non solo in campo, ma anche nello spogliatoio: ai tempi del Real Madrid venne messo fuori rosa da Fabio Capello, dopo aver scatenato una rissa negli spogliatoi. (Foto: Twitter)

Pasquale Bruno

“Picchia per noi, Pasquale Bruno” cantavano i tifosi. E lui li accontentava. (Foto: Twitter)

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità