La Formula E a Roma nel 2018, l'intesa c'è

Samuele Prosino

La Formula E è un campionato in crescente espansione, che attira costruttori importanti e sponsor di peso. Le grandi città sono molto interessate a ospitarla, e Roma ha deciso di essere davvero della partita. È  infatti stata approvata una comunione di intenti tra Giunta e Organizzatori per avere la gara nella stagione 2017/2018.

La Formula E a Roma, c’è l’intesa

Il campionato di Formula E potrebbe finalmente sbarcare in Italia nella stagione 2017/2018, grazie alla disponibilità del Comune di Roma. Non c’è ancora l’annuncio ufficiale dell’Amministrazione Capitolina, ma il CEO della Formula E ha già espressione soddisfazione per il possibile approdo della serie in uno scenario storico. (AP)

La Formula E a Roma, c’è l’intesa

Il quartiere interessato sarebbe quello dell’EUR, dotato di strade sufficientemente larghe e strutture adatte a ospitare non solo il tracciato ma anche tribune, paddock e palchi. La gara dovrebbe disputarsi nel 2018 e il circuito dovrebbe snodarsi tra la Cristoforo Colombo e il cosiddetto Colosseo Quadrato.

La Formula E a Roma, c’è l’intesa

L’ePrix di Roma sarebbe inserito in una cornice più grande, con 15 giorni di eventi legati alla sostenibilità ambientale. La Formula E è pienamente coerente con il messaggio, essendo un modello di sviluppo tecnologico basato su energie più pulite di quelle che utilizziamo normalmente (come petrolio e gas).

La Formula E a Roma, c’è l’intesa

Ecco le parole di Alejandro Agag, CEO della Formula E: “Siamo molto soddisfatti che tutte le forze politiche abbiano appoggiato questo evento. Ho già incontrato la Sindaca Raggi e le trattative sono state molto positive. Adesso si apre una seconda fase che riguarda la Formula E, ossia garantire la copertura finanziaria dell’evento. L’intesa con la città di Roma è che questa gara sarà finanziata da privati, su questo lavoreremo con i nostri sponsor e inizieremo colloqui anche con diverse aziende italiane. Se questi colloqui andranno bene, e penso che andranno bene, faremo questa gara in un sabato di aprile (2018) a Roma per la prima volta, e poi per altri quattro anni, visto che l’accordo sarà quinquennale”. (AP)

La Formula E a Roma, c’è l’intesa

La Formula E è famosa per correre esclusivamente nelle grandi città. Parigi, Londra, Berlino: le maggiori città europee hanno già ospitato almeno una volta il campionato. “Il tracciato è definito ed è molto bello, abbiamo svolto uno studio di fattibilità che è andato molto in profondità e ci sarà uno stop minimo del traffico”, ha detto Agag. (nella foto AP il tracciato all’Autodromo Hermanos Rodriguez a Città del Messico)

La Formula E a Roma, c’è l’intesa

Dunque Roma si appresta a ospitare un grande evento automobilistico internazionale, per altro in rapida espansione. L’impatto sulla città dovrebbe essere minimo: le corse di Formula E si ripartiscono su due giornate, con strutture facilmente removibili. (Getty)

La Formula E a Roma, c’è l’intesa

La Formula E è un campionato con vetture totalmente a propulsione elettrica, con numerosi costruttori coinvolti ufficialmente (Renault, Audi, Jaguar, Mahindra, Citroen, Venturi) e interesse anche da parte di Mercedes e Ferrari. I piloti sono tutti professionisti, alcuni dei quali ex F1 o vincitori a Le Mans(Photo by LAT Images / Formula E via Getty Images)

La Formula E a Roma, c’è l’intesa

Manca però una presenza italiana; non potendo più contare sul team di Jarno Trulli e sullo stesso pilota abruzzese, che ha abbandonato il campionato, la notizia di una gara in Italia fa bene sia agli appassionati sia ai sostenitori delle energie rinnovabili. (AP)

Vecchio progetto

Della Formula E a Roma si era parlato già nel 2012, con un giro promozionale attorno al Colosseo. Poi l’amministrazione Marino aveva accantonato il progetto. La gara perse il posto in calendario a favore di Hong Kong.

Circuito F1

Con Alemanno, invece, c’era stato un abboccamento verso la F1, con un circuito sempre all’EUR (nella foto Corriere). Un progetto molto complicato che si arenò piuttosto in fretta.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità