Funerali di Gigi Proietti, l'ultimo saluto di Roma al suo grande mattatore

Primo Piano

Per un giorno Roma si ferma e si stringe attorno alle celebrazioni dei funerali di Gigi Proietti, uno dei suoi più illustri personaggi. L’attore è scomparso lunedì 2 novembre, nel giorno del suo ottantesimo compleanno. Prima della cerimonia, presso la Chiesa degli artisti in Piazza del popolo e riservata a un massimo di 70 persone, la capitale ha potuto salutare per l’ultima volta il suo grande mattatore. Un’auto ha scortato la sua salma in Campidoglio, accolta da Marcello De Vito, presidente dell'assemblea capitolina in rappresentanza della sindaca Virginia Raggi, positiva al Covid. Dopo un giro attorno alla statua di Marco Aurelio, il mezzo si è diretto verso il Globe Theatre, fondato dallo stesso Proietti nel cuore di Villa Borghese, e che porterà presto il suo nome. Il feretro è stato accompagnato da un applauso di circa cinque minuti dei presenti, tra i quali figuravano i suoi allievi Flavio Insinna ed Enrico Brignano, oltre ad altre personalità illustri.

GUARDA ANCHE: Addio a Gigi Proietti, grande mattatore della scena italiana