La rivelazione di Di Natale: "Contro il Napoli evitavo di giocare"

L’attaccante ex Udinese racconta alcuni aneddoti della sua carriera: “Ero quasi sempre assente quando la mia squadra affrontava gli azzurri, fare gol a quei colori sarebbe stato come segnare a mio fratello”. Dichiarazione curiosa di Di Natale che ammette di aver sempre fatto fatica a giocare con la sua squadra del cuore. Ora il centravanti fa l’osservatore per l’Udinese e studia da Sarri per provare la carriera da allenatore.

La rivelazione

Durante un’intervista con una radio locale Di Natale ha ammesso che ha spesso cercato di evitare di giocare contro il Napoli. (AFP PHOTO / SIMONE FERRAROSIMONE FERRARO/AFP/GettyImages)

La dichiarazione

“Ero quasi sempre assente quando la mia squadra affrontava gli azzurri, fare gol a quei colori sarebbe stato come segnare a mio fratello”
(AFP PHOTO / Diego PetrussiDiego Petrussi/AFP/Getty Images)

Perchè non ha giocato col Napoli?

Di Natale ha risposto con molta onestà a questa domanda: “Sono napoletano e amo Napoli, ma quella maglietta per me era troppo pesante e avevo paura di non fare ciò che invece ho fatto”.
(AFP PHOTO / Simone FerraroSIMONE FERRARO/AFP/Getty Images)

La carriera

Ha segnato 209 gol in Serie A, è diventato una bandiera dell’Udinese e anche oggi continua a lavorare per il club bianconero. (Photo by Dino Panato/Getty Images)

Il futuro

Al momento Di Natale fa l’osservatore per l’Udinese perchè, a suo dire, è interessato a scoprire nuovi talenti. (AFP PHOTO / SIMONE FERRAROSIMONE FERRARO/AFP/GettyImages)

I record

Ha segnato sempre una valanga di gol sia con l’Empoli sia con l’Udinese. E’ ottavo nella classifica dei cannonnieri italiani con 331 gol. (Photo by Claudio Villa/Getty Images)

L’erede

Di Natale ha anche designato il suo erede: Insigne. Però ha anche strigliato il talento del Napoli: “Per essere come me deve segnare con più continuità”. (Photo by Dino Panato/Getty Images)

Le scelte professionali

“Ho disputato due Mondiali e un Europeo, ho giocato la Champions e non potevo chiedere di più. Forse in un’altra squadra avrei potuto vincere di più trofei ma ho scelto Udine anche perché la mia famiglia stava bene”
(AFP PHOTO / FRANCISCO LEONGFRANCISCO LEONG/AFP/GettyImages)

L’idea della panchina

Totò ammette però che sta facendo un pensierino sull’ intraprendere la carriera da allenatore: “Mi piacerebbe studiare da Sarri” ha detto. (Photo by Martin Rose/Bongarts/Getty Images)

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità