Michael Schumacher compie 50 anni: ecco le sue 10 vittorie più belle

Yahoo Sports IT

Michael Schumacher è nato il 3 gennaio 1969 a Hürth, nell’allora Germania dell’Ovest. In Formula 1 ha vinto tutto: 7 mondiali e 91 vittorie nei Gran Premi. Considerato una leggenda vivente, è costretto al ricovero dal 29 dicembre 2013, quando ebbe un grave incidente durante una vacanza sugli sci in Francia.

Mentre su di lui molti quotidiani e siti web speculano inutilmente, noi lo vogliamo ricordare, facendogli i migliori auguri, elencando le sue più grandi vittorie alla guida di una monoposto da corsa.

Caro Michael, celebriamo i tuoi 50 anni ricordando le tue più belle vittorie in Formula 1, molte delle quali al volante di una Rossa fiammante.

<p>Schumi compie 50 anni: indipendentemente dalle sue condizioni fisiche, questo è un traguardo da festeggiare per tutti gli appassionati di motori, di sport e non solo. Ecco dunque le sue 10 più belle vittorie, per ricordare ancora la sua guida sopraffina (foto: Getty Images) </p>
Le più belle vittorie di Michael Schumacher

Schumi compie 50 anni: indipendentemente dalle sue condizioni fisiche, questo è un traguardo da festeggiare per tutti gli appassionati di motori, di sport e non solo. Ecco dunque le sue 10 più belle vittorie, per ricordare ancora la sua guida sopraffina (foto: Getty Images)

<p>La sua prima vittoria in F1 avviene nella cara Spa-Francorchamps, a bordo di una Benetton. La pioggia premia il suo istinto e gli permette di accumulare un largo vantaggio sulle invincibili Williams, grazie a una strategia ai box perfetta. (foto: Getty Images) </p>
GP Belgio 1992

La sua prima vittoria in F1 avviene nella cara Spa-Francorchamps, a bordo di una Benetton. La pioggia premia il suo istinto e gli permette di accumulare un largo vantaggio sulle invincibili Williams, grazie a una strategia ai box perfetta. (foto: Getty Images)

<p>Schumi parte dalla 16° posizione e dopo pochi giri è già davanti a menare il ritmo. Rullo compressore, nessuno resiste al suo passo gara. Qui mostra, inoltre, doti eccezionali nel sorpasso – in seguito poco sfruttate durante i periodi vincenti in Ferrari (non servivano granché…). (foto: Getty Images) </p>
GP Belgio 1995

Schumi parte dalla 16° posizione e dopo pochi giri è già davanti a menare il ritmo. Rullo compressore, nessuno resiste al suo passo gara. Qui mostra, inoltre, doti eccezionali nel sorpasso – in seguito poco sfruttate durante i periodi vincenti in Ferrari (non servivano granché…). (foto: Getty Images)

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio
<p>Con una macchina inferiore a Williams e Benetton, Schumi fa vedere a tutti che sul bagnato non ha alcun rivale. Prima vittoria in Ferrari in condizioni che oggi le F1 non potrebbero affrontare. (foto: Getty Images) </p>
GP Spagna 1996

Con una macchina inferiore a Williams e Benetton, Schumi fa vedere a tutti che sul bagnato non ha alcun rivale. Prima vittoria in Ferrari in condizioni che oggi le F1 non potrebbero affrontare. (foto: Getty Images)

<p>Con una macchina che oggi definiremmo un cancello, e con l’aiuto degli errori altrui, Schumi vince la sua prima gara a Monza con una guida splendida ma resa complicata dall’assetto nervoso della sua Ferrari. (foto: Getty Images) </p>
GP Italia 1996

Con una macchina che oggi definiremmo un cancello, e con l’aiuto degli errori altrui, Schumi vince la sua prima gara a Monza con una guida splendida ma resa complicata dall’assetto nervoso della sua Ferrari. (foto: Getty Images)

<p>A Montecarlo la gara sotto l’acqua è tutta sua. Come si può vedere dalla foto, dopo la prima curva è già imprendibile. Nonostante una piccola sbavatura, causata da un calo di concentrazione, vince la gara con una vita di vantaggio (foto: Getty Images) </p>
GP Monaco 1997

A Montecarlo la gara sotto l’acqua è tutta sua. Come si può vedere dalla foto, dopo la prima curva è già imprendibile. Nonostante una piccola sbavatura, causata da un calo di concentrazione, vince la gara con una vita di vantaggio (foto: Getty Images)

<p>A Silverstone Schumacher sfrutta l’asfalto bagnato per prendere un largo vantaggio, con una penalità per via di un sorpasso sotto bandiera gialla. Il team però gliela fa scontare all’ultimo giro, tagliando il traguardo in corsia box anziché in pista. (foto: Getty Images) </p>
GP Gran Bretagna 1998

A Silverstone Schumacher sfrutta l’asfalto bagnato per prendere un largo vantaggio, con una penalità per via di un sorpasso sotto bandiera gialla. Il team però gliela fa scontare all’ultimo giro, tagliando il traguardo in corsia box anziché in pista. (foto: Getty Images)

<p>A Budapest Michael vince con tre soste ai box, dando prova di essere un mago nel giro secco. Scarico di benzina, il ferrarista demolisce ogni record della pista in gara, prendendo ogni volta il vantaggio necessario per rimanere davanti agli avversari. (foto: Getty Images) </p>
GP Ungheria 1998

A Budapest Michael vince con tre soste ai box, dando prova di essere un mago nel giro secco. Scarico di benzina, il ferrarista demolisce ogni record della pista in gara, prendendo ogni volta il vantaggio necessario per rimanere davanti agli avversari. (foto: Getty Images)

<p>Il titolo piloti torna a Maranello con una gara perfetta a Suzuka, strategicamente e dal punto di vista della guida. Alla fine partono i festeggiamenti, insieme ovviamente alla moglie Corinna e a Jean Todt (foto: Getty Images) </p>
GP Giappone 2000

Il titolo piloti torna a Maranello con una gara perfetta a Suzuka, strategicamente e dal punto di vista della guida. Alla fine partono i festeggiamenti, insieme ovviamente alla moglie Corinna e a Jean Todt (foto: Getty Images)

<p>Nei quattro anni dal 2001 al 2004 ci sono diverse gare perfette da parte di Schumacher: selezioniamo il GP a Magny-Cours nel 2002, perché rappresenta un raro caso di mondiale vinto a luglio.(foto: Getty Images) </p>
GP Francia 2002

Nei quattro anni dal 2001 al 2004 ci sono diverse gare perfette da parte di Schumacher: selezioniamo il GP a Magny-Cours nel 2002, perché rappresenta un raro caso di mondiale vinto a luglio.(foto: Getty Images)

<p>A Imola Schumi tiene testa a Fernando Alonso, nella pista dove già avevano combattuto a parti invertite. Una gara per cuori forti, con la Ferrari pronta a chiudere ogni pertugio davanti all’aggressivo spagnolo della Renault (foto: Getty Images) </p>
GP San Marino 2006

A Imola Schumi tiene testa a Fernando Alonso, nella pista dove già avevano combattuto a parti invertite. Una gara per cuori forti, con la Ferrari pronta a chiudere ogni pertugio davanti all’aggressivo spagnolo della Renault (foto: Getty Images)

<p>Durante la sua carriera Schumi ha avuto grandi rivali nella lotta al titolo: Damon Hill, Jacques Villeneuve, Mika Hakkinen, Juan Pablo Montoya, Kimi Raikkonen, Fernando Alonso. Hakkinen è sicuramente quello che ha temuto di più, avendo un talento cristallino tanto quanto il suo. (foto: Getty Images) </p>
BONUS: miglior rivale

Durante la sua carriera Schumi ha avuto grandi rivali nella lotta al titolo: Damon Hill, Jacques Villeneuve, Mika Hakkinen, Juan Pablo Montoya, Kimi Raikkonen, Fernando Alonso. Hakkinen è sicuramente quello che ha temuto di più, avendo un talento cristallino tanto quanto il suo. (foto: Getty Images)

Potrebbe interessarti anche...