Milano si candida per la sessione CIO 2019 e... sogna le Olimpiadi del 2028

Ieri a Milano si è tenuto un incontro per annunciare (e festeggiare) la candidatura di Milano come organizzatrice della 132° sessione del CIO nel 2019, assemblea nella quale si eleggono i membri del comitato e si votano le direzioni future del Comitato Olimpico. Presenti Giuseppe Sala, Roberto Maroni, Giovanni Malagò e ex sportivi ora protagonisti della politica come Diana Bianchedi (assessore sport Regione Lombardia) e Antonio Rossi (assessore sport comune Milano). È stata l’occasione anche per fare un po’ di chiarezza sull’opportunità di Milano di proporre una candidatura alle Olimpiadi…

Milano si candida per la 132° sessione del CIO e… per le Olimpiadi?

Ieri a Milano si è tenuto un incontro per annunciare (e festeggiare) la candidatura di Milano come organizzatrice della 132° sessione del CIO nel 2019, assemblea nella quale si eleggono i membri del comitato e si votano le direzioni future del Comitato Olimpico. Presenti Giuseppe Sala, Roberto Maroni, Giovanni Malagò e ex sportivi ora protagonisti della politica come Diana Bianchedi (assessore sport Regione Lombardia) e Antonio Rossi (assessore sport comune Milano). È stata l’occasione anche per fare un po’ di chiarezza sull’opportunità di Milano di proporre una candidatura alle Olimpiadi… (foto CONI @claudioscaccini)

La sessione del CIO, indotto importante

Per ogni sessione del CIO arrivano circa mille delegati da tutto il mondo che per una settimana si fermano nella città ospitante. Al loro seguito anche rappresentanti dei media, fotografi, collaboratori e testimonial. Si tratta di un evento che può generare un indotto notevole. Le parole di Malagò: “Sono ottimista: non so chi siano gli altri sfidanti, ma altre città quando hanno saputo che Milano si candidava si sono sfilate”. Alla sessione 2019 verrà decisa anche la città ospitante delle Olimpiadi Invernali 2026. (AP)

Olimpiadi a Milano?

Si è parlato molto della possibilità di candidare Milano alle Olimpiadi 2028. Tutti concordano su un fatto: il destino di questa candidatura ancora allo stato embrionale sarà deciso dopo la decisione sulle Olimpiadi del 2024. Qualora dovesse vincere Los Angeles, allora Milano sarebbe ai nastri di partenza. Con una vittoria di Parigi, invece, la situazione sarebbe differente: da tempo ormai il CIO predilige una rotazione tra i continenti ospitanti escludendo presenze consecutive (Photo by Todd Warshaw/Getty Images for the USOC)

Le parole di Maroni

Il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni non ha mai smesso di pensare a Milano come candidata alle Olimpiadi. “Sono convinto che se le Olimpiadi del 2024 verranno assegnate a una città non europea sia giusto candidare Milano e la Lombardia per il 2028”, ha detto intervistato ai margini dell’incontro milanese. (AP)

Le parole di Sala

Giuseppe Sala, sindaco di Milano, è più prudente: “La città che si candida per ospitare la sessione del Cio non può ufficialmente essere candidata per le Olimpiadi. Quindi al momento non posso permettermi nemmeno di pensarlo. Fino a settembre bisogna stare assolutamente fermi. Se vincesse Parigi la candidatura per il 2024 non credo che sarebbe realistico immaginare per Milano una candidatura per il 2032. Ma se dovesse trionfare Los Angeles…” (AP)

Malagò: “la sconfitta di Roma è una ferita non rimarginabile”

“Il nostro credito non solo è intatto, ma paradossalmente e stato rafforzato da come è finita la candidatura romana alle Olimpiadi. Quella è una ferita che non si rimarginerà mai, è una partita che purtroppo non abbiamo disputato, ma oggi siamo felici di giocare questa nuova sfida per dimostrare chi siamo e quello che vogliamo con interpreti diversi, di cui sono orgoglioso”, ha detto Malagò. (GETTY)

La candidatura di Roma

Roma era stata tra le favorite per ospitare le Olimpiadi del 2024, ma la candidatura si concluse improvvisamente a causa del parere negativo della Giunta Raggi. In precedenza l’ex sindaco capitolino Marino si era invece espresso in modo favorevole. (Getty)

Milano pronta a subentrare

Roberto Maroni coltiva il sogno di portare i cinque cerchi a Milano già da qualche tempo. Pure Sala è favorevole, e nell’ottobre 2016 aveva anche parlato dell’opportunità di creare una sinergia con Genova per gli eventi velistici – anche se la Lombardia in sé potrebbe ospitare degli eventi nelle proprie zone lacustri (Photo by Vincenzo Lombardo/Getty Images)

Candidati 2028

Il contesto delle Olimpiadi 2028 è ancora piuttosto nebuloso. Le candidature potenziali oltre a quella di Milano sono circa una ventina. In Germania ci sono addirittura tre proposte al vaglio, anche se quella di Amburgo è la più quotata (nella foto i membri del comitato tedesco). Altre proposte sono in attesa di prendere vita anche a Johannesburg, Brisbane, Budapest, Toronto, Casablanca, Doha, Kuala Lumpur e Madrid. (Photo by Dennis Grombkowski/Bongarts/Getty Images)

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità