Riparte la MotoGP: perché è Vinales il pilota da battere

Primo Piano

Nel weekend a Losail, in Qatar, si riaccendono i motori sul campionato a due ruote più appassionante e seguito del mondo. Valentino Rossi si è separato dall’eterno nemico Jorge Lorenzo, che ha lasciato la Yamaha per la nostrana Ducati. Eppure il nuovo spagnolo terribile che lo ha sostituito, Maverick Vinales, è considerato da molti addetti ai lavori il vero favorito di questo 2017. Sarà proprio così? Analizziamo come sono arrivati a questo appuntamento inaugurale della stagione i vari big, senza dimenticare il campione del mondo Marquez e il “Belen Boy” Iannone, all’esordio in sella alla Suzuki.

Tutto acceso

Mancano ormai solo poche ore alla partenza del mondiale 2017 di MotoGP, con una vera marea di novità rispetto alla passata stagione. E un grande favorito. Che però, dopo diversi anni, non fa parte del trio composto da Marc Marquez, Jorge Lorenzo e il nostro Valentino Rossi. (foto: Instagram)

I riflettori sono tutti su di lui

Moltissimi tra gli addetti ai lavori si dicono infatti convinti che il grande favorito della stagione sia una delle nuove leve del campionato: è infatti solo al suo terzo anno nella classe regina del motociclismo. Si tratta del rampante 22enne catalano Maverick Vinales. (foto: Instagram)

La moto da battere

Nell’arco dei test che sono stati disputati prima dell’inizio della stagione, infatti, Vinales è apparso il pilota più in forma ottenendo tempi che nessun suo collega è riuscito a replicare. (foto: Instagram)

Chi è Maverick

Portato nel motomondiale giovanissimo dall’Aprilia, il centauro con il nome da Top Gun a 16 anni ha vinto la sua prima corsa e a 18 il suo primo campionato (la Moto3). Dopo un solo anno in Moto2 arrivò il passaggio in Suzuki, con due stagioni di MotoGP e la vittoria dello scorso anno a Silverstone. Prima della grande occasione di quest’anno. (foto: Instagram)

Una Yamaha in forma

Merito della Yamaha, che sembra aver sviluppato la migliore moto di tutto il lotto. E ad approfittarne è stato soprattutto il nuovo arrivato, sostituto di Jorge Lorenzo e in grado di battere tutti sui crono dei test. (foto: Instagram)

Valentino in ritardo

A farne le spese soprattutto Valentino Rossi, che invece non sembra proprio aver trovato il giusto feeling con la nuova moto. Il nuovo compagno di box gli ha sempre rifilato distacchi importanti e a un certo punto dell’inverno il Dottore ha addirittura ammesso che per limare il gap occorre “un miracolo”. (foto: Instagram)

Un Dottore razionale

Valentino, che nel 2015 si vide sfuggire il mondiale solo all’ultima gara, ha concluso il campionato al secondo posto anche nella passata stagione. Ma ora, secondo il telecronista Guido Meda, “gli manca un po’ di quell’energia e quella spericolatezza che hanno i giovani, è aumentata la soglia della razionalità”. (foto: Instagram)

La Honda del campione

Più in ritardo appare invece la moto campione del mondo, la Honda di Marc Marquez. Secondo Meda infatti il team che si è aggiudicato il campionato 2016 “se l’è presa un po’ troppo comoda”. (foto: Instagram)

Lo squalo in rosso

A remare a favore di Vinales anche il fatto che un campione come Jorge Lorenzo e una moto competitiva ma spesso complicata da capire come la Ducati siano freschi di matrimonio. Il maiorchino potrebbe aver bisogno di tempo per abituarsi alla Desmosedici, concedendo qualche gara ai rivali. (foto: Instagram)

Il nuovo Iannone

Da tenere d’occhio anche Andrea Iannone, per cui si prospetta una stagione tutta nuova. Addio alla Ducati, ecco la Suzuki e soprattutto tutti i riflettori puntati addosso per una relazione amorosa di moda come nel mondo del motomondiale non se ne vedevano da tempo: quella con Belen. Riuscirà l’abruzzese a non farsi distrarre troppo dalla sensuale argentina? (foto: Instagram)

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità