Roma e Napoli ancora a bocca asciutta, cosa manca per arrivare alla Juve?

Il campionato non è ancora finito e il distacco dalla prima in classifica non è poi abissale, soprattutto per la Roma. Però, la frustrazione per l’eliminazione in Coppa Italia, che segue la prematura uscita dalle coppe europee, accomuna il tifo giallorosso e quello napoletano. E se un giudizio definitivo sulla stagione non può ancora essere dato, possono essere indagati i motivi che hanno portato le due squadre a fallire obiettivi fondamentali. Ecco cosa manca per insidiare veramente i Bianconeri

La questione economica

Il problema numero uno, naturalmente, è il primato economico juventino, che rende i Bianconeri più competitivi sul mercato. La Roma non riesce ad investire se non attraverso l’autofinanziamento: vendita di giocatori già in rosa e acquisto di rinforzi. Stesso discorso per il Napoli. (Foto Facebook)

Libertà d’azione

Sponda giallorossa: non sono arrivati i rinforzi richiesti. Su Rincon, la Roma è stata bruciata dalla Juve, su Papu Gomez, è stato fatto un vero e proprio errore di valutazione: il club ha preferito fare scelte diverse. Altrove, Spalletti agiva da manager, alla Roma, il mercato non lo decide lui. Lo stesso si può dire di Sarri, che spesso vede le proprie indicazioni disattese dalla dirigenza. (Foto Facebook)

Il mercato sbagliato della Roma

Siamo al punto dolente: i flop. A Roma, gli investimenti su Iturbe e Gerson non hanno dato gli esisti sperati. A gennaio, poi, è arrivato il solo Grenier: sempre infortunato. Sono errori pagati a caro prezzo. (Foto Instagram)

Il mercato sbagliato del Napoli

Il Napoli non è riuscito a creare una squadra competitiva su più fronti, non trovando il modo, peraltro, di valorizzare le risorse che già aveva in squadra. Si pensi a Gabbiadini, indotto a trovare maggior fortuna al Southampton. (Foto Instagram)

L’incognita Spalletti

Il feeling creatosi all’inizio tra l’allenatore giallorosso e la dirigenza non si è sviluppato come si sperava. Il Mister, nei momenti di difficoltà, si è sentito poco tutelato. La lontananza del presidente ha contribuito a peggiorare la situazione. (Foto Instagram)

Il rapporto fra De Laurentis e Sarri

Inutile dire che anche il rapporto fra l’allenatore del Napoli e il suo “spumeggiante” presidente è molto difficile. La dialettica fra i due ha avuto fasi alterne, ma in certi momenti la tensione è stata tale da arrivare alla pubblica presa di distanze. Sono dinamiche che incidono pesantemente sull’ambiente. (Foto Instagram)

La mentalità

La Roma deve crescere ancora molto da questo punto di vista. Troppo spesso la squadra è mancata nei match chiave della stagione. Lo stesso può essere detto del Napoli: nelle partite che cambiano una stagione, sono spesso tremate le gambe, soprattutto nei primi minuti di gioco. La forza della Juventus è anche questo: fame, esperienza e consapevolezza dei propri mezzi. Sempre. (Foto Instagram)

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità