Totoministri, tutti i papabili del governo giallo-rosso

Yahoo Notizie

Dopo aver ricevuto l'incarico da Mattarella, Giuseppe Conte si è messo subito al lavoro sul programma del nuovo governo e sui nomi dei ministri che lo affiancheranno in questa seconda avventura.

Nel pomeriggio di giovedì 29 agosto sono state avviate le consultazioni con i vari gruppi parlamentari. Il premier, che ha una certa premura, ha sottolineato ai suoi che "bisogna muoversi" e completare in fretta (entro la fine della prima settimana di settembre, ha chiesto) la lista dei ministri per dedicarsi alle emergenze economiche e affrontare il ruolo dell'Italia nelle nuove istituzioni europei.

Ecco tutti i papabili nominati per l'organigramma del governo giallo-rosso.

Il nodo dei due vicepremier rimane un enigma. In realtà, poi, è il M5s a chiedere che ce ne siano due, mentre il Pd ne preferirebbe solo uno, e del proprio partito, in modo da controbilanciare il pentastellato presidente del Consiglio dei ministri. Intorno ai due nomi (o uno solo), comunque, aleggiano per ora i seguenti nomi: <strong>Luigi Di Maio</strong> (5s), <strong>Dario Franceschini</strong> (Pd) e <strong>Andrea Orlando</strong> (Pd). Franceschini sembra per ora il più papabile. (AP Photo/Antonio Calanni)
I vicepremier
Il nodo dei due vicepremier rimane un enigma. In realtà, poi, è il M5s a chiedere che ce ne siano due, mentre il Pd ne preferirebbe solo uno, e del proprio partito, in modo da controbilanciare il pentastellato presidente del Consiglio dei ministri. Intorno ai due nomi (o uno solo), comunque, aleggiano per ora i seguenti nomi: Luigi Di Maio (5s), Dario Franceschini (Pd) e Andrea Orlando (Pd). Franceschini sembra per ora il più papabile. (AP Photo/Antonio Calanni)
Per se stesso, poi, Di Maio rivendica oltre i galloni di vice premier anche la <strong>Difesa</strong>. In alternativa potrebbe andare al ministero del <strong>Lavoro</strong>, lasciando la Difesa a Elisabetta Trenta (M5S). (AP Photo/Andrew Medichini)
Un posto per Di Maio
Per se stesso, poi, Di Maio rivendica oltre i galloni di vice premier anche la Difesa. In alternativa potrebbe andare al ministero del Lavoro, lasciando la Difesa a Elisabetta Trenta (M5S). (AP Photo/Andrew Medichini)
L'ex capo della polizia <strong>Alessandro Pansa</strong>, 68 anni, potrebbe guidare il Viminale. (Photo by Simona Granati/Corbis via Getty Images)
Ex capo della polizia al Viminale
L'ex capo della polizia Alessandro Pansa, 68 anni, potrebbe guidare il Viminale. (Photo by Simona Granati/Corbis via Getty Images)
Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio
Sempre Di Maio avrebbe inoltre blindato i nomi di <strong>Alfonso Bonafede</strong> (in foto) (alla Giustizia), di <strong>Riccardo Fraccaro</strong> (Riforme), di <strong>Sergio Costa</strong> (Ambiente), di <strong>Nicola Morra</strong> (Istruzione), di <strong>Stefano Patuanelli</strong> (Infrastruture) e di <strong>Francesco D’Uva</strong> (alle Riforme in alternativa a Fraccaro). (AP Photo/Alessandra Tarantino)
I blindati da Di Maio
Sempre Di Maio avrebbe inoltre blindato i nomi di Alfonso Bonafede (in foto) (alla Giustizia), di Riccardo Fraccaro (Riforme), di Sergio Costa (Ambiente), di Nicola Morra (Istruzione), di Stefano Patuanelli (Infrastruture) e di Francesco D’Uva (alle Riforme in alternativa a Fraccaro). (AP Photo/Alessandra Tarantino)
Le due caselle di Esteri ed Economia, vuote per il momento, potrebbero essere assegnate seguendo un criterio misto. Esteri potrebbe quindi andare a <strong>Marina Sereni</strong> (59 anni, Pd). (Photo by Franco Origlia/Getty Images)
Esteri ed Economia
Le due caselle di Esteri ed Economia, vuote per il momento, potrebbero essere assegnate seguendo un criterio misto. Esteri potrebbe quindi andare a Marina Sereni (59 anni, Pd). (Photo by Franco Origlia/Getty Images)
Mentre il ministero dell'Economia andrebbe a <strong>Roberto Gualtieri</strong> (53, Pd). (Photo by HERBERT NEUBAUER/AFP/Getty Images)
Esteri ed Economia
Mentre il ministero dell'Economia andrebbe a Roberto Gualtieri (53, Pd). (Photo by HERBERT NEUBAUER/AFP/Getty Images)
I pentastellati vorrebbero di nuovo le ex ministre <strong>Giulia Grillo </strong>(in foto a destra), <strong>Barbara Lezzi </strong>e <strong>Laura Castelli</strong> (in foto a sinistra) rispettivamente alla Salute, al Mezzogiorno e all'Economia. (Photo by Massimiliano Ferraro/NurPhoto via Getty Images)
Le donne dei 5 stelle
I pentastellati vorrebbero di nuovo le ex ministre Giulia Grillo (in foto a destra), Barbara Lezzi e Laura Castelli (in foto a sinistra) rispettivamente alla Salute, al Mezzogiorno e all'Economia. (Photo by Massimiliano Ferraro/NurPhoto via Getty Images)
I democratici hanno invece fatto i nomi di: <strong>Anna Ascani</strong> per i Beni Cuturali; <strong>Lia Quartapelle</strong> (in foto) per le Politiche Comunitarie; <strong>Chiara Braga</strong> per l’Ambiente; <strong>Deborah Serracchiani</strong> per la Famiglia; oltre alla già nominata <strong>Marina Sereni </strong>per gli Esteri. (Photo by Stefano Montesi - Corbis/Getty Images)
Le donne del Pd
I democratici hanno invece fatto i nomi di: Anna Ascani per i Beni Cuturali; Lia Quartapelle (in foto) per le Politiche Comunitarie; Chiara Braga per l’Ambiente; Deborah Serracchiani per la Famiglia; oltre alla già nominata Marina Sereni per gli Esteri. (Photo by Stefano Montesi - Corbis/Getty Images)
Le Pari Opportunità potrebbero invece tornare sotto la guida di <strong>Vincenzo Spadafora</strong> (45 anni, 5s). (Photo by Fabrizio Villa/Getty Images)
Pari Opportunità
Le Pari Opportunità potrebbero invece tornare sotto la guida di Vincenzo Spadafora (45 anni, 5s). (Photo by Fabrizio Villa/Getty Images)

Potrebbe interessarti anche...