Giroud va al Mondiale. Poi il rinnovo col Milan

Al centro del Milan, del presente e del futuro. A 36 anni Olivier Giroud continua a fare la differenza, con prestazioni da leader e gol che pesano. Quello da tre punti contro lo Spezia è stato il quinto in campionato, il nono tra Serie A e Champions League in 18 match, a dimostrazione che quando c'è da fare sul serio il francese risponde presente. Maldini ci ha visto giusto quando, nel 2021, l'ha portato a Milano, Pioli l'ha seguito affidandogli le chiavi dell'attacco. Anche senza Ibrahimovic e con Origi in ritardo Giroud è il supereroe che veglia sul Milan.

MONDIALE E RINNOVO - Oggi e domani, visto che c'è tutta la volontà da entrambe le parti di continuare insieme. L'accordo di massima c'è, l'ex Chelsea e Arsenal dovrebbe firmare fino al 2024, con ingaggio confermato, circa 3,5 milioni di euro. Tutto è rimandato a gennaio, dopo il Mondiale. Che Giroud vivrà da protagonista. Mercoledì alle 20 Deschamps svelerà i nomi dei convocati per il Qatar e salvo sorprese in lista ci sarà Giroud. Una garanzia, del Milan e della Francia.