È tornato Scamacca-gol: il prezzo del Sassuolo e le scelte di Juve e Milan

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·1 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Sei gol segnati nelle ultime otto presenze in Serie A. Basterebbero i numeri per capire che Gianluca Scamacca è tornato. Si è ripreso, dopo qualche mese in cui ha giocato poco e segnato ancora meno, proprio a cavallo di quelle settimane in cui il suo nome era uno dei più chiacchierati sul mercato. Juventus, Milan, Sassuolo, senza parlare poi del Parma: tutte possibili destinazione per il gigante classe '99. Che, alla fine, è invece rimasto al Genoa.

IL PREZZO - I rossoblù, infatti, non hanno accettati di privarsi con sei mesi di anticipo del loro attaccante, a cui avrebbero rinunciato solo dietro il pagamento di un indennizzo. Un'opzione che non si è verificata, anche per via della richiesta del Sassuolo, club proprietario del cartellino di Scamacca: almeno 25 milioni di euro, per una cessione immediata. Niente prestiti, niente diritti di riscatto.

LE SCELTE DELLE BIG - Condizioni che non hanno convinto Juventus e Milan, due dei club che apprezzano maggiormente le qualità di Gianluca. E che sanno già come la valutazione dell'ad Carnevali sia nel frattempo salita, fino a toccare i 40 milioni. Una cifra molto alta, per un calciatore però ancora giovane e con ampi margini di miglioramento. A oggi le due big hanno altri piani per l'estate e non considerano un investimento del genere per Scamacca. Che, intanto, continua però a segnare. Per dimostrare a tutti che è davvero tornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli