19enne uccide la fidanzata: "Temevo fosse incinta"

Yahoo Notizie

Temeva che la fidanzata fosse rimasta incinta dopo una serata trascorsa fuori: per questo Naim Vera, 19 anni, ha ucciso Micaela Gordillo, 24 anni, per poi bruciare il suo cadavere sulla griglia per eliminare le prove del gesto efferato. Poi però ho cambiato idea, ha abbandonato in strada il corpo privo di vita di Micaela e si è consegnato alla polizia, confessando tutto.

VIDEO - I numeri del femminicidio

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

È successo in Argentina, a San Fernando del Valle de Catamarca. L’omicidio è stato raccontato dal quotidiano locale Clarin, che riferisce che la ragazza - che non era incinta - è morta per asfissia, probabilmente a causa di un panno infilato in bocca. Sotto le sue unghie sono state ritrovate tracce di pelle del fidanzato, segno che avrebbe tentato di difendersi prima di morire.

Ora Naim deve rispondere all’accusa di omicidio volontario aggravato.

VIDEO - Violenza domestica, dai fiori alle botte

Potrebbe interessarti anche...