I 4 giocatori da seguire e il potenziale undici titolare dell'Ucraina a Euro 2020

Matteo Baldini
·4 minuto per la lettura

Se i Mondiali sono rimasti un tabù dopo l'illusione del 2006, coi quarti di finale, il discorso in chiave Europei cambia per la Nazionale ucraina: sia nel 2012 che nel 2016 l'Ucraina ha preso infatti parte alla competizione, nel primo caso in qualità di Nazione ospitante (insieme alla Polonia). E proprio in occasione di Euro 2012 l'Ucraina riuscì a trovare la sola vittoria conquistata fin qui in una fase finale dell'Europeo, 2-1 sulla Svezia con doppietta dell'attuale CT Shevchenko.

L'ex attaccante rossonero, alla prima competizione di primo piano con la sua Nazionale, proverà a dar seguito a quel successo e a lasciare il segno anche da allenatore, in un gruppo C certo non facile sulla carta, considerando la presenza di Olanda e Belgio, due favorite in senso assoluto, oltre alla Macedonia di Pandev.

1. La stella: Oleksandr Zinchenko

Zinchenko | Soccrates Images/Getty Images
Zinchenko | Soccrates Images/Getty Images

Il fatto stesso di riuscire a ritagliarsi uno spazio in quella corazzata rappresentata dal Manchester City di Guardiola, seppur non sistematicamente da titolare, proietta Zinchenko tra gli elementi chiave dell'Ucraina; proprio in Nazionale il classe '96 sta riuscendo, tra l'altro, a mettere in mostra tutta la propria versatilità.

Se coi Citizens gioca come laterale sinistro, suo ruolo prediletto almeno in Premier, il discorso cambia radicalmente agli ordini di Shevchenko, il CT ucraino lo impiega infatti in mezzo al campo, nel vivo del gioco, come vero leader della squadra e come pedina fondamentale per legare i reparti. Di recente ha anche indossato la fascia di capitano.

2. Il gioiello: Vitaliy Mykolenko

Mykolenko | Srdjan Stevanovic/Getty Images
Mykolenko | Srdjan Stevanovic/Getty Images

Protagonista assoluto nel percorso di qualificazione agli Europei, non ha perso neanche un minuto: ha soltanto 21 anni ma rappresenta già un punto fermo della Nazionale, la prima scelta di Shevchenko come laterale mancino ma utilizzabile anche come centrale sinistro in difesa, in base alle soluzioni tattiche che il CT vorrà adottare.

E proprio in fase difensiva deve migliorare, cercando di limare quelle imperfezioni che fin qui ne hanno minato parzialmente la crescita. Si tratta comunque di dettagli per un classe '99 che ha già dimostrato di meritare il posto fisso nella squadra di Shevchenko e che anche con la Dinamo Kiev è ormai un titolare, con margini di miglioramento ancora importanti.

3. La possibile rivelazione: Viktor Tsygankov

Tsygankov | BSR Agency/Getty Images
Tsygankov | BSR Agency/Getty Images

Uno dei giocatori dal miglior rendimento del campionato ucraino, con la maglia della Dinamo Kiev il classe '97 ha già messo a segno 12 gol e ha collezionato 8 assist in questa stagione, dando continuità a quanto lasciato intravedere già nel recente passato.

Può giocare su entrambe le fasce, ha saltato gli ultimi impegni in Nazionale per infortunio ma ha tutte le carte in regola per rilanciarsi immediatamente e diventare uno degli elementi più importanti per l'Ucraina e per le sorti del suo reparto avanzato agli Europei. La sua velocità e la capacità di creare occasioni anche con azioni personali potrebbe rivelarsi decisiva, anche in un girone complicato come quello che attende l'Ucraina.

4. L'uomo più in forma: Ruslan Malinovskyi

Malinovskyi | Quality Sport Images/Getty Images
Malinovskyi | Quality Sport Images/Getty Images

Il pubblico italiano ha imparato a conoscere Malinovskyi e ad apprezzare le sue giocate con la maglia dell'Atalanta, le qualificazioni agli Europei lo hanno visto vero protagonista sia come goleador che ancor di più come uomo assist, così come del resto accade nella Dea.

In questa stagione, soprattutto, ha fornito assist a profusione per i compagni (ben 9 fin qui in campionato) riuscendo peraltro a rivelarsi decisivo anche a partita in corso, come richiesto da Gasperini. Può giocare sia come trequartista, come sta accadendo nel 3-4-1-2 schierato da Shevchenko nelle sfide di qualificazioni ai Mondiali, che come mezzala nel 4-3-3 che il CT utilizzava prima delle ultime uscite.

L'undici ideale:

Il CT ucraino Shevchenko | Quality Sport Images/Getty Images
Il CT ucraino Shevchenko | Quality Sport Images/Getty Images

4-3-3: Bushchan; Karavaev, Matvienko, Kryvtsov, Mykolenko; Zinchenko, Makarenko, Malinovskyi; Yarmolenko, Yaremchuk, Tsygankov. CT: Shevchenko.

Il CT ucraino Shevchenko ha spesso fatto del 4-3-3 un marchio di fabbrica e solo nelle qualificazioni ai Mondiali, attualmente in corso, sta ricorrendo con continuità al 3-4-1-2.

In porta dovrebbe esserci Bushchan, titolare della Dinamo Kiev, mentre i due laterali difensivi in caso di difesa a quattro saranno Karavaev e Mykolenko, con Matvienko e Kryvtsov al centro della retroguardia. A metà campo sono sicuri del posto Zinchenko, utilizzato al centro e non a sinistra come nel City, e l'atalantino Malinovskyi.

Ballottaggio aperto invece per il ruolo di mediano dai compiti più difensivi, con Makarenko che ha possibilità di trovare spazio e di completare dunque la linea mediana. In avanti il terminale offensivo sarà Yaremchuk, particolarmente prolifico in questa stagione, con Yarmolenko e Tsygankov sulle fasce.

Segui 90min su Instagram.