I 4 giocatori da seguire e il potenziale undici titolare del Portogallo a Euro 2020

·4 minuto per la lettura

Il girone F, l'ultimo e il più ostico in assoluto di Euro 2020, vede tra i protagonisti anche il Portogallo: i lusitani, chiamati a fronteggiare Francia e Germania, oltre all'Ungheria, hanno la responsabilità aggiuntiva di un titolo da difendere, il primo della storia della Nazionale, conquistato nel 2016.

Un titolo, quello di Francia 2016, che ha rappresentato il tanto atteso timbro su un percorso in crescendo agli Europei, competizione in cui, anche facendo un confronto coi Mondiali, il Portogallo ha saputo attestarsi regolarmente tra le Nazionali più competitive fin dai primi anni 2000.

Ripetersi appare un'impresa, anche al di là del girone a dir poco complesso, ma il livello del gruppo a disposizione di Fernando Santos appare sempre di primo ordine, a partire da una stella assoluta come Cristiano Ronaldo, ovviamente, ma considerando anche il giusto mix tra talenti in rampa di lancio ed esperti. Questi i giocatori da seguire con attenzione nell'avventura portoghese a Euro 2020:

1. La stella: Cristiano Ronaldo

Cristiano Ronaldo | JOHN THYS/Getty Images
Cristiano Ronaldo | JOHN THYS/Getty Images

Nel girone delle stelle più brillanti non poteva mancare Cristiano Ronaldo, l'uomo dei record anche pensando al solo Portogallo: CR7 è il giocatore che, anche largamente, vanta più presenze e più gol nella storia della Nazionale lusitana.

Al contempo il fuoriclasse della Juve ha superato Pelé nella classifica dei marcatori di tutti i tempi in sfide ufficiali con club e Nazionale maggiore, portandosi al secondo posto: Euro 2020 sarà anche l'occasione di superare il bottino personale dell'edizione 2016, con 3 gol e 3 assist, e di staccare Platini come miglior marcatore in assoluto. Raggiungerà Casillas come giocatore ad aver giocato più Europei mentre, già attualmente, è il recordman di presenze nella competizione (21 totali).

2. Il gioiello: Joao Felix

Joao Felix | Jonathan Moscrop/Getty Images
Joao Felix | Jonathan Moscrop/Getty Images

Il rapporto coi tifosi dell'Atletico Madrid non è più idilliaco e Simeone, tra l'altro, sta utilizzando il giovane talento portoghese solo a partita in corso (o quasi) già da inizio 2021.

L'Europeo che si avvicina sarà dunque un'occasione di riscatto, a livello personale, per dimostrare che le attese non sono da considerare tradite e che merita ancora fiducia: non è del tutto scontata neanche la presenza dal primo minuto agli ordini di Santos, considerata la quantità di opzioni sulla trequarti, ma il classe '99 ha le carte in regola per far ricredere gli scettici e per ritagliarsi uno spazio importante tra i più esperti colleghi.

3. Trascinatore dei Red Devils: Bruno Fernandes

Bruno Fernandes | Jonathan Moscrop/Getty Images
Bruno Fernandes | Jonathan Moscrop/Getty Images

Spesso citato come meteora in Serie A, prima dell'esplosione definitiva con lo Sporting Lisbona, Bruno Fernandes sta vivendo una stagione da protagonista assoluto con la prestigiosa maglia del Manchester United, club con cui si sta per giocare anche il possibile successo in Europa League.

Vanta uno score impressionante in questa stagione, 18 gol e 11 assist nella sola Premier League: un concentrato di fantasia ed efficacia, con qualità da vero cecchino sui calci piazzati, tutte doti che saranno preziose per la squadra di Santos nel corso dei prossimi europei.

4. Il muro: Ruben Dias

Ruben Dias | Carlos Rodrigues/Getty Images
Ruben Dias | Carlos Rodrigues/Getty Images

Da una sponda all'altra di Manchester: se Fernandes si sta rivelando l'uomo più pericoloso dello United, ormai da tempo, occorre sottolineare, in casa Citizens, il ruolo fondamentale di Ruben Dias agli ordini di Guardiola.

Il centrale portoghese sta ripagando l'enorme investimento fatto per acquistarlo dal Benfica, rivelandosi un innesto decisivo per rendere più solida la difesa del City. Un passo in avanti sottolineato anche dai numeri: il City è la squadra che ha collezionato il maggior numero di clean sheets, insieme al Chelsea, ed è la miglior difesa della Premier. Al di là del City è evidente come Dias rappresenti anche il futuro di una difesa da "svecchiare" come quella dei lusitani.

L'undici ideale:

Il CT Santos e CR7 | Octavio Passos/Getty Images
Il CT Santos e CR7 | Octavio Passos/Getty Images

4-2-3-1: Rui Patricio; Joao Cancelo, Pepe, Dias, Guerreiro; Neves, Pereira; B.Silva, Bruno Fernandes, Joao Felix; Cristiano Ronaldo. CT. Fernando Santos.

Fernando Santos sta schierando il suo Portogallo col 4-3-3 ma, di fatto, la posizione di una delle due mezzali fa sì che si possa parlare più di un 4-2-3-1, con Bruno Fernandes sulla trequarti.

Rui Patricio si prepara a tornare dopo aver perso le ultime sfide di qualificazioni ai Mondiali, in difesa Cancelo agirà perlopiù a destra (pur con la possibilità di sostituire Guerreiro dall'altra parte) mentre i due centrali saranno l'esperto Pepe e Ruben Dias. A metà campo Neves ha la possibilità di trovare spazio accanto a Danilo Pereira, con Fernandes che come detto agirà sulla trequarti.

A supporto di Cristiano Ronaldo è inamovibile Bernando Silva, sempre tra i più utilizzati da Santos, e Joao Felix come detto proverà, come altro esterno offensivo, a risollevarsi a livello individuale dopo qualche schermaglia recente col popolo dei Colchoneros.

Segui 90min su Telegram per rimanere aggiornato su tutte le ultime novità di Serie A.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli