I 5 video che descrivono la carriera di Ronaldinho

Marco Deiana
·3 minuto per la lettura

Scrivi Ronaldinho e pensi subito a quel giocatore che, con il sorriso sempre stampato sul volto, deride gli avversari con i suoi dribbling. Elastici, doppi passi, sombreri, finte di corpo, no look e chi più ne più ne metta. Basterebbe girare poco poco su Youtube per trovare centinaia di video dedicati al numero 10 brasiliano: dribbling, assist, gol. Tutto il suo repertorio racchiuso in tante clip, tutte a nostra disposizione.

Come si può raccontare Ronaldinho? Ho deciso di farlo, per i suoi 41 anni, prendendo in mano solamente 5 video, cercando di racchiudere con queste clip tutte le caratteristiche del brasiliano. Il genio, la fantasia, la rapidità, la follia e la concretezza.

1. Assist di schiena

Fantasia. Estro. Rapidità di pensiero. Follia. In questo gesto di Ronaldinho c'è tutto. Non è che capiti frequentemente di vedere un assist di schiena. Il Gaucho ci ha deliziati, durante il corso della sua carriera, anche di questo gesto tecnico.

Non penso servano altre parole. Su una palla a mezza altezza, Ronaldinho lancia in porta in verticale il suo compagno con la schiena. Roba dell'altro mondo. Roba da Ronaldinho...

2. Il gol geniale contro il Chelsea

Questo gol è storia. Ronaldinho riceve la palla al limite dell'area di rigore. La blocca, danza sulla palla muovendo il piede destro e disorientando tutta la difesa del Chelsea, trovato il varco calcia di punta e spedisce la palla sotto al sette.

Boh... siamo sicuro che serva commentare ulteriormente. Non è solo questione di tecnica di base ben al di sopra della media. E non è solo questione di fantasia. Qui c'è molto di più...

3. La partita perfetta contro il Real Madrid con... standing ovation

Passiamo da due giocate da fermo ad una partita a campo aperto che vede Ronaldinho distruggere il Real Madrid. I due gol realizzati dal brasiliano evidenziano non solo le sue - indiscusse (aridaje...) - qualità tecnica, ma anche la sua eccellente forza in spazio aperto.

Con una facilità disarmante ha messo a sedere due volte Sergio Ramos, realizzando due gol al Bernabeu e conquistando la clamorosa standing ovation da parte del pubblico madrileno

4. Ronaldinho nel derby di Milano... di testa

Durante l'esperienza italiana, con la maglia del Milan, Ronaldinho ha scoperto di essere anche un ottimo colpitore di testa. Certo, non è la sua specialità, sia chiaro, però a vedere il gol nel Derby della Madonnina non sembrerebbe.

Con una precisione pazzesca, il Gaucho piazza la palla sotto al sette. Insomma, che sia con i piedi o con la testa, non c'è vita per i ragni presenti negli angoli delle porte!

5. La punizione che non ti aspetti

E a proposito di angoli e palloni sotto al sette... arriva subito la conferma (per i poveri ragni, sia chiaro...). Mondiale 2002. Brasile-Inghilterra. Punizione da posizione defilata, sulla destra. Sul pallone si presenta il numero 11 brasiliano, Ronaldinho.

L'allora giocatore del Paris Saint-Germain vede il portiere inglese leggermente fuori dai pali. Cosa può passare nella testa di Ronaldinho? Sì, proprio quell'idea. Traiettoria perfetta, sembra un tiro-cross, si rivela un semplice, balistico, fantasioso tiro in porta. Sul palo del portiere. Sotto al sette. Rete!

Seguimi sui social e segui 90min su Instagram.