Acciarri: "Schumacher? Piccoli passi al miglior mantenimento"

Franco Nugnes
motorsport.com

“Keep Fighting”. Corinna Schumacher continua a combattere per Michael. Ieri sono trascorsi sei anni dal drammatico incidente sciistico di Meribel, sulle Alpi francesi. Sul sette volte campione del mondo le poche notizie che filtrano sono spesso contrastanti, anche perché la famiglia ha imposto regole rigidissime sul rispetto della privacy per evitare ogni inutile speculazione.

Una volta le voci alimentano le speranze di un qualche segnale di ripresa da un danno assonale profondo che già nella diagnosi iniziale lasciava ben poche possibilità di guarigione, e l’altra volta lasciano tutti i tifosi nella disperazione di un campione che ha pagato un terribile tributo con il destino dopo i rischi corsi sulle piste di tutto il mondo.

Corinna ha trasformato un’ala della villa svizzera di Gland in una clinica che permette a Schumi di essere seguito da un’equipe medica stando a contatto con i propri cari. E quando è necessario ricorre a degli specialisti come quelli dell’ospedale Georges-Pompidou di Parigi dove l’asso tedesco è stato ricoverato in settembre.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Mentre il figlio Mick consolida un percorso da pilota che ambisce a riportare il nome Schumacher in F1, mamma Corinna ha concesso al Mirror una rara dichiarazione sullo stato di salute: “Le grandi cose iniziano con piccoli passi”.

In attesa del lancio della nuova pagina social dedicata al consorte, proprio Corinna avrebbe aggiunto che “molte piccole particelle possono formare un grande mosaico”.

Sono parole che incentivano la speranza di una possibile ripresa o sono il frutto di un enorme sforzo per garantire al Kaiser la migliore qualità di vita possibile?

Lo abbiamo chiesto al dottor Nicola Acciarri, stimato neurochirurgo dell’Ospedale Bellaria di Bologna e grande appassionato di F1, che già all’epoca del dramma di Michael ci aveva aiutato a capire cosa stesse subendo Schumacher.

“Queste parole le valuto in modo molto cauto, perché nessuno ha prove di quello che viene detto pubblicamente e, tra l’altro, viene riportato pochissimo. È difficile capire da quale base clinica si parta”.

“È chiaro che, immaginando la situazione del campione a sei anni dal trauma, dobbiamo immaginare una persona molto diversa da quella che ci ricordiamo sulle piste, con uno stato che è stato sicuramente agevolato dalle cure intensive che ha avuto, ma che riguarda sempre un lungodegente, non solo a letto, ma con un quadro organico, muscolare e scheletrico molto cambiato e deteriorato. Il tutto come conseguenza del trauma cerebrale che aveva subito”.

In Francia si era parlato di cure con le cellule staminali…
“Le terapie staminali al giorno d’oggi sono ancora di tipo sperimentale, perché se fossero fornire su larga scala medica avremmo delle soluzioni a tante malattie, soprattutto quelle cerebrali che riguardano i traumi o gli ictus. E anche per le lesioni mieliche del midollo spinale, però non c’è nulla ancora di così concreto e diffuso che possa farci sperare in una soluzione di tutte le malattie”.

La dura realtà cozza quindi con le parole di Corinna?
“Beh, vanno lette dalla parte della moglie che difende una figura che vuole essere mantenuta iconicamente in un certo modo e lei vede in cose molto piccole forse dei grandi progressi. E alle persone al di fuori dell’ambito familiare e può sembrare meno importante di quanto appaia a lei. E questo bisogna comprenderlo”.

Più che alla ricerca di una grande ripresa si va nella direzione del migliore mantenimento…
“Direi di sì, perché le condizioni di Michael richiedono attenzioni a 360 gradi che non riguardano solo gli esiti del trauma cerebrale. Schumi avrà delle persone che cercheranno di interagire con lui per tenerlo in attivazione, ma avrà anche un team di fisioterapisti atti a muoverlo e a scongiurare gli effetti della lungodegenza”.

“Mi riferisco ad atrofia muscolare, alterazione dei tendini, osteoporosi e alterazioni anche organiche in una situazione molto, molto delicata che in persone meno fortunate dal punto di vista economico si traducono spesso nella fine precoce perché possono insorgere conseguenze irreversibili”.

Ecco perché è importante continuare a lottare. “Keep Fighting” Michael!

Corinna Schumacher, madre di Mick Schumacher, Ferrari e moglie del Campione della F1 Michael Schumacher

Corinna Schumacher, madre di Mick Schumacher, Ferrari e moglie del Campione della F1 Michael Schumacher <span class="copyright">Jerry Andre / Motorsport Images</span>
Corinna Schumacher, madre di Mick Schumacher, Ferrari e moglie del Campione della F1 Michael Schumacher Jerry Andre / Motorsport Images

Jerry Andre / Motorsport Images

Michael Schumacher, Mercedes AMG F1

Michael Schumacher, Mercedes AMG F1 <span class="copyright">Sutton Motorsport Images</span>
Michael Schumacher, Mercedes AMG F1 Sutton Motorsport Images

Sutton Motorsport Images

Michael Schumacher, Mercedes GP

Michael Schumacher, Mercedes GP <span class="copyright">Sutton Motorsport Images</span>
Michael Schumacher, Mercedes GP Sutton Motorsport Images

Sutton Motorsport Images

Podio: il vincitore della gara Felipe Massa, Ferrari, il secondo classificato Fernando Alonso, Renau

Podio: il vincitore della gara Felipe Massa, Ferrari, il secondo classificato Fernando Alonso, Renau <span class="copyright">Sutton Motorsport Images</span>
Podio: il vincitore della gara Felipe Massa, Ferrari, il secondo classificato Fernando Alonso, Renau Sutton Motorsport Images

Sutton Motorsport Images

Michael Schumacher, Mercedes GP W02, precede Nico Rosberg, Mercedes GP W02

Michael Schumacher, Mercedes GP W02, precede Nico Rosberg, Mercedes GP W02 <span class="copyright">Andrew Hone / Motorsport Images</span>
Michael Schumacher, Mercedes GP W02, precede Nico Rosberg, Mercedes GP W02 Andrew Hone / Motorsport Images

Andrew Hone / Motorsport Images

Michael Schumacher, Ferrari

Michael Schumacher, Ferrari <span class="copyright">LAT Images</span>
Michael Schumacher, Ferrari LAT Images

LAT Images

Personale Ferrari al muretto box: Ross Brawn, Direttore Tecnico Ferrari, Michael Schumacher, Ferrari e Jean Todt, Direttore Sportivo Ferrari

Personale Ferrari al muretto box: Ross Brawn, Direttore Tecnico Ferrari, Michael Schumacher, Ferrari e Jean Todt, Direttore Sportivo Ferrari <span class="copyright">Sutton Motorsport Images</span>
Personale Ferrari al muretto box: Ross Brawn, Direttore Tecnico Ferrari, Michael Schumacher, Ferrari e Jean Todt, Direttore Sportivo Ferrari Sutton Motorsport Images

Sutton Motorsport Images

Michael Schumacher, Ferrari F1 2000

Michael Schumacher, Ferrari F1 2000 <span class="copyright">Sutton Motorsport Images</span>
Michael Schumacher, Ferrari F1 2000 Sutton Motorsport Images

Sutton Motorsport Images

Malesia 2000, Jean Todt, Michael Schumacher, Rubens Barrichello Luca Badoer, Luca di Montezemolo, Ferrari

Malesia 2000, Jean Todt, Michael Schumacher, Rubens Barrichello Luca Badoer, Luca di Montezemolo, Ferrari <span class="copyright">Ercole Colombo</span>
Malesia 2000, Jean Todt, Michael Schumacher, Rubens Barrichello Luca Badoer, Luca di Montezemolo, Ferrari Ercole Colombo

Ercole Colombo

Indianapolis 2002, Michael Schumacher e Rubens Barrichello, Ferrari

Indianapolis 2002, Michael Schumacher e Rubens Barrichello, Ferrari <span class="copyright">Ercole Colombo</span>
Indianapolis 2002, Michael Schumacher e Rubens Barrichello, Ferrari Ercole Colombo

Ercole Colombo

Podio: il vincitore della gara Michael Schumacher, Ferrari

Podio: il vincitore della gara Michael Schumacher, Ferrari <span class="copyright">Ercole Colombo</span>
Podio: il vincitore della gara Michael Schumacher, Ferrari Ercole Colombo

Ercole Colombo

Podio: il vincitore della gara Michael Schumacher, Ferrari

Podio: il vincitore della gara Michael Schumacher, Ferrari <span class="copyright">Ercole Colombo</span>
Podio: il vincitore della gara Michael Schumacher, Ferrari Ercole Colombo

Ercole Colombo

Michael Schumacher, Ferrari F300

Michael Schumacher, Ferrari F300 <span class="copyright">Steve Etherington / Motorsport Images</span>
Michael Schumacher, Ferrari F300 Steve Etherington / Motorsport Images

Steve Etherington / Motorsport Images

Michael Schumacher, Mercedes GP MGP W01 stringe Rubens Barrichello, Williams FW32

Michael Schumacher, Mercedes GP MGP W01 stringe Rubens Barrichello, Williams FW32 <span class="copyright">Sutton Motorsport Images</span>
Michael Schumacher, Mercedes GP MGP W01 stringe Rubens Barrichello, Williams FW32 Sutton Motorsport Images

Sutton Motorsport Images

Michael Schumacher, Benetton B193B

Michael Schumacher, Benetton B193B <span class="copyright">LAT Images</span>
Michael Schumacher, Benetton B193B LAT Images

LAT Images

Podium: Michael Schumacher, Benetton, celebrates third place

Podium: Michael Schumacher, Benetton, celebrates third place <span class="copyright">LAT Images</span>
Podium: Michael Schumacher, Benetton, celebrates third place LAT Images

LAT Images

Michael Schumacher, Benetton celebrates his world title with the Benetton team

Michael Schumacher, Benetton celebrates his world title with the Benetton team <span class="copyright">Sutton Motorsport Images</span>
Michael Schumacher, Benetton celebrates his world title with the Benetton team Sutton Motorsport Images

Sutton Motorsport Images

Michael Schumacher,Benetton B194 Ford

Michael Schumacher,Benetton B194 Ford <span class="copyright">Sutton Motorsport Images</span>
Michael Schumacher,Benetton B194 Ford Sutton Motorsport Images

Sutton Motorsport Images

Potrebbe interessarti anche...