Accordo ACO e IMSA: stessi prototipi per Le Mans e Daytona

Marco Congiu
motorsport.com

Giornata che si può definire senza mezzi termini storica, quella che stiamo vivendo. In occasione della 24 Ore di Daytona, è stato ufficializzato l'accordo tra l'ACO, società organizzatrice – tra i vari eventi – della 24 Ore di Le Mans, e l'IMSA, associazione regina del panorama nordamericano, che prevede la creazione di un'unica categoria top class per il Mondiale Endurance e per il WeatherTech Championship.

Leggi anche:

Kobayashi domina con la Cadillac le ultime Libere a Daytona

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Nella sostanza, ciò è stato fatto per ampliare ancor più il bacino dei potenziali costruttori interessati, che adesso potranno gareggiare sia nei circuiti del WEC che in quelli dell'International Motor Sport Association con un notevole risparmio di costi, ampliando contestualmente il proprio palcoscenico.

Questa nuova categoria, chiamata LMDh, attinge a piene mani da quelli che sono i cardini dei progetti top class di IMSA e WEC, ovvero le DPi 2.0 e le nuove Le Mans Hypercar.

Gli chassis saranno realizzati dagli attuali fornitori delle LMP2 del WEC - Dallara, Oreca, Ligier e Multimatic - e saranno equipaggiati da un sistema KERS comune tra di loro, posizionato nei pressi dell'asse posteriore. Ovviamente, silhouette e design sono ampiamente modificabili a seconda delle scelte del committente o anche per motivi tecnici legati alla forma del motore termico. Altri dettagli verranno rivelati, si legge nel comunicato diffuso dai due organismi, in occasione dell'appuntamento di Sebring previsto per marzo.

“L'annuncio di oggi è un punto di partenza cruciale per gli amanti delle corse di durata. Un costruttore potrà presto gareggiare sia nel WEC che nel WeatherTech Championship. È difficile quantificare adesso quanti benefici porterà un accordo del genere”, commenta Pierre Fillon, Presidente ACO.

Gli fa eco Jim France, Chairman IMSA. “Stiamo vedendo realizzato il sogno di mio padre. Con ACO, IMSA ed il supporto dei fornitori, vedremo in poco tempo competere in tutto il mondo i migliori piloti ed i costruttori impegnati nel motorsport”.

“Il vero vincitore di oggi sono le corse endurance. La porta adesso è spalancata a tutti coloro che vogliano competere ad altissimi livelli con la stessa auto su entrambe le sponde dell'Atlantico. Vedere correre le stesse auto alla 24 Ore di Le Mans e alla 24 Ore di Daytona sarà speciale e stupendo per i fan di tutto il mondo”, dichiara Gérard Neveau, CEO del WEC.

Il nuovo regolamento entrerà in vigore dal settembre 2021 per il WEC e dal gennaio 2022 per il WeatherTech Championship.

Potrebbe interessarti anche...