Addii dolorosi e...intoccabili: gli imprescindibili di Inzaghi per la nuova Inter

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·2 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Come sarà la nuova Inter di Simone Inzaghi? Replicare quanto fatto nei due anni da Antonio Conte (secondo posto e finale di Europe League prima dello scudetto) non sarà facile, ma per provare - perché no - a fare di meglio anche nel percorso europeo, il tecnico piacentino dovrà avere una rosa all'altezza. Quali sono i giocatori imprescindibili per la ripartenza?

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Il mercato è imprevedibile, ma stando alla promessa fatta dalla dirigenza ad una delegazione della Curva Nord la cessione di un big sarà soltanto una. E tutti gli indizi portano ad Achraf Hakimi, corteggiato da diversi top club europei. Dando per (quasi) scontata la dolorosa partenza del marocchino, gli intoccabili per lo scacchiere tattico di Inzaghi hanno dei ruoli ben definiti: si parte ovviamente dai tre difensori, Skriniar, De Vrij e Bastoni, che hanno già assimilato alla perfezione i meccanismi della difesa a tre.

A centrocampo è invece impossibile non nominare Nicolò Barella, colonna della mediana e destinato ad indossare la fascia da capitano del futuro, ma anche Marcelo Brozovic, di cui Inzaghi avrebbe già evidenziato l'importanza agli addetti ai lavori. Diverso il discorso di Christian Eriksen, non ritenuto incedibile in caso di offerte importanti ma che con Inzaghi in panchina potrebbe avere più spazio per svariare come successo con Luis Alberto nella Capitale.

In attacco Inzaghi lascerebbe volentieri intatta la LuLa che ha trascinato l'Inter al tricolore. Se l'allenatore ha già avuto un rassicurante colloquio con Romelu Lukaku, ritenuto intoccabile sia per una questione tecnica e umana che economica dopo i milioni versati allo United, è invece più complicato decifrare la situazione di Lautaro Martinez, che potrebbe garantire una corposa plusvalenza. Con magari annesso rilancio di Alexis Sanchez, chiamato però ad abbassarsi l'ingaggio per restare a Milano. Se dovesse scegliere, Inzaghi sarebbe disposto ad un restyling (seppur doloroso) sulle fasce, mantenendo però intatta il resto dell'ossatura.

Segui 90min su Facebook.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli