Agnelli deferito: "Mai incontrato boss mafiosi"

Due senatori del PD: "Quell'intercettazione di Agnelli della quale si parla non è agli atti del processo. Basta associare la Juve alla 'Ndrangheta".

Andrea Agnelli non ci sta. Il presidente della Juventus risponde e contesta il deferimento della Procura Federale, comminatogli per presunti incontri con boss della malavita.

Il numero uno bianconero, in conferenza stampa da Vinovo, rigetta le accuse: "Una mezz'ora fa mi è stato notificato il deferimento da parte della Procura Federale.Tale deferimento riguarda il sottoscritto, il dottor Francesco Calvo, all'epoca nostro dirigente, il signor Alessandro D'Angelo e il signor Stefano Merulla. Questo club non hanno nulla da nascondere o da temere. Nei mesi scorsi i dipendenti della Juve hanno collaborato con la Procura della Repubblica come testimoni nell'ambito di indagini legate a personaggi della criminalità organizzata".

Agnelli parla di "metodo invasivo con intercettazioni telefoniche ". Poi prosegue: "Oggi la Procura emette un deferimento in cui il mio nome e quello dei dipendenti ricoprono un ruolo inerente, ma ciò non è corrispondente a verità".

"Mi difenderò, lo farò per i miei collaboratori e per il nome della Juventus, troppe volte infangato dalla giustizia sportiva. Ciò avverrà nelle sedi opportune - avverte il massimo dirigente della Signora - Abbiamo solo la colpa di lavorare per un club famoso e sulla bocca di tutti".

Poi l'appello alla stampa: "Evitate conclusioni pregiudiziali, non ho mai incontrato boss mafiosi, a cadenza regolari ho visto tutte le categorie dei tifosi alla luce del sole e ciò rientra a pieno titolo nei doveri di un presidente. Se tali personagg nel tempo hanno assunto aspetti diversi non era noto a me nè alla Juventus, all'epoca queste persone erano libere e potevano frequentare stadi e partite".

"La Juve come ogni club è stato indicato come esempio virtuoso - ricorda Agnelli - ma non può sostituirsi alle forze dell'ordine. Ho dato l'ok di presentarmi alla commissione antimafia. Ipotesi cambiamento management? Questo gruppo formato da me, Marotta, Nedved e Paratici vuole far crescere la Juve ancora per parecchio>

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità