Alex Marquez girerà anche nello shakedown di Sepang

Germán Garcia Casanova

A causa della riduzione dei test, sia privati che collettivi, per la prima volta i regolamenti FIM ammettono allo shakedown i rookie in MotoGP, oltre ai collaudatori ed ai piloti dei team che godono ancora delle concessioni (KTM ed Aprilia).

Questo cambiamento apre le porte ai tre debuttanti del 2020: il pilota della Honda Alex Marquez, ma anche quelli della KTM, Brad Binder ed Iker Lecuona.

Marquez, come ha avuto conferma Motorsport.com, sarà presente alle prove che si terranno dal 2 al 4 febbraio sul circuito di Sepang. Per lui sarà importante aggiungere tre giorni di lavoro alla sua breve esperienza in sella alla RC213V.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Nel caso di Binder, la sua presenza è data per scontata, anche se al momento non è stata confermata da KTM, mentre Lecuona, che difende i colori del Team Tech 3, si trova nella stessa situazione, sebbene questa settimana sia stato sottoposto ad un intervento chirurgico, quindi il suo impiego dipenderà dai tempi di recupero.

Oltre ai rookie ed ai test che ogni costruttore decide di far scendere in pista nel test inaugurale della stagione, hanno il diritto a partecipare anche i titolari delle squadre che hanno le concessioni, quindi KTM ed Aprilia.

Questo vuol dire che nello shakedown potremo vedere in pista anche Pol Espargaro accanto al nuovo compagno di squadra Binder.

Per Aprilia è già prevista la presenza di Aleix Espargaro, visto che scenderà in pista per la prima volta la versione 2020 della RS-GP, una moto particolarmente rivista che non era presente ai test di fine 2019 a Valencia e Jerez.

Andrea Iannone, invece, dopo essere risultato positivo anche alle controanalisi di un controllo antidoping, ha delle scarse possibilità di poter partire per la Malesia, anche se continua a sperare che la vicenda si possa risolvere almeno per l'inizio del Mondiale.

Per quanto riguarda gli altri test rider, in pista dovremmo vedere Stefan Bradl (Honda), Michele Pirro (Ducati), Sylvain Guintoli (Suzuki), Bradley Smith (Aprilia) e Dani Pedrosa e Mika Kallio per la KTM.

La Yamaha schiererà sicuramente Katsuyuki Nakasuga, ma bisogna vedere se nel frattempo arriverà anche la firma di Jorge Lorenzo come collaudatore e se quindi anche lui potrà essere della partita o meno.

Potrebbe interessarti anche...