Alla scoperta di PES 2021: modalità di gioco e esclusive

Francesco Giagnorio
·3 minuto per la lettura

In un mondo ormai dominato dalla tecnologia, anche i videogiochi sullo sport assumono la loro importanza. Dagli albori delle console, gli amanti del calcio si sono spesso trovati di fronte a una domanda: FIFA o PES? Metterli a confronto è difficile, trattandosi di due giochi seppur simili diametralmente opposti. Se nei primi anni 2000 a dominare la scena era il videogioco della KONAMI (PES), nel secondo decennio del 2000 si è assistito progressivamente all'ascesa di FIFA.

Nonostante la perdita di utenza, nel corso degli anni KONAMI ha continuato a proporre un gioco dinamico ed interessante, con un motore grafico eccezionale ed una giocabilità molto lenta e simulativa, caratteristica da sempre principale di PES. Diverse le modalità di gioco, dalle più classiche sino alle più innovative.

PES presentato al Tokyo Game Show | Ken Ishii/Getty Images
PES presentato al Tokyo Game Show | Ken Ishii/Getty Images

Non potevano mancare le due modalità divenute ormai celebri: il Campionato Master e Diventa un Mito. Nel Campionato Master vestirai i panni di un allenatore vero e proprio, guidando la tua squadra al successo. Interessante la scelta dell'avatar, che propone sia allenatori creati dal gioco che allenatori veri, tra cui Guardiola, Lampard, Roberto Carlos, per citarne solo alcuni. In Diventa un Mito invece creando il tuo calciatore potrai giocare al fianco dei tuoi campioni preferiti in prima persona.

Anche le modalità online si rivelano interessanti: nel myClub puoi costruire la squadra dei tuoi sogni con leggende e giocatori speciali, sfidando altri giocatori sia in partite classificate che in tornei. Nelle divisioni online puoi tentare la scalata alla divisione 1 con la squadra che preferisci, ma scegli bene: ogni squadra ha un punteggio diverso! Nel Matchday invece potrai schierarti in una delle due fazioni (per esempio spesso vengono proposti dei derby) e giocando puoi far guadagnare punti alla tua fazione, oltre ad ottenere premi interessanti per il myClub.

La modalità online più interessante è la co-op, in cui potrai giocare insieme ai tuoi amici (o ad altri utenti) in partite comunitarie fino al 3 vs 3, ottenendo punteggio in base alle tue prestazioni. La modalità co-op è presente anche nel myClub, dove la squadra verrà determinata prendendo alcuni giocatori dalla tua squadra e altri da quella del tuo compagno. Modalità co-op divenuta ormai celebre tra gli utenti, infatti lo stesso PES ha istituito le eFootball Series Iqoniq, dove si sfideranno diverse squadre partner in co-op 3 vs 3.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Nelle modalità in locale puoi sfidare i tuoi amici con la tua squadra preferita, oppure allenarti sia liberamente che nell'allenamento abilità, dove puoi imparare i migliori trucchi per vincere più partite possibile. Ci sono anche le classiche partite a selezione casuale e la nuova modalità ''contro'' che monitora le tutte le statistiche di ogni singola partita. E' stata inserita anche la possibilità di giocare partite di EURO 2020, esclusiva PES così come lo fu EURO 2016.

Diverse le partnership ufficiali, con team del calibro di Juventus, Barcellona, Bayern Monaco e Manchester United, oltre a tanti campionati, stadi e squadre. Proprio per la mancanza di squadre originali e licenze spesso è stato bistrattato dagli utenti, ma KONAMI per ovviare a questo problema ha sempre inserito nella modalità modifica la possibilità di importare contenuti, e con un file facilmente reperibile sul web si riesce a giocare con tutte le squadre come fossero originali.

Il prezzo del gioco completo è di 30 euro, ma da qualche anno a questa parte KONAMI rilascia una versione free to play che permette di giocare il myClub senza acquistare tutto il gioco. Il gioco è stato presentato come un season update, difatti il gameplay è sostanzialmente lo stesso del 2020, questo spiega il prezzo di mercato ridotto rispetto ai concorrenti. KONAMI ha giustificato questa scelta per due motivi sostanzialmente: in primis hanno ritenuto il gioco già buono così com'era la scorsa stagione, poi hanno deciso di concentrare tutto lo sviluppo per il gioco del prossimo anno che uscirà sulle nuove console, aggiornando sia motore grafico che motore di gioco.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Serie A.