Allegri: "Grazie al Real ma ho scelto la Juve per amore"

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·2 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

"No al Real Madrid due volte? Diciamo di sì, soprattutto quest'anno. Infatti devo ringraziare Real e presidente per l'opportunità che mi avevano dato, ma dopo le mie riflessioni ho scelto la Juve. E' stato anche un gesto d'amore". Così l'allenatore della Juventus Massimiliano Allegri nel corso della sua conferenza stampa di presentazione. "Credo molto nella squadra. Una squadra divertente da allenare ma poi bisogna vincere. Che è la cosa più importante", sottolinea.

"Il gruppo? Ci stiamo ritrovando. Fin qui ho visto tanti giovani. Ora stanno rientrando quelli della prima squadra. Il tempo per pensare al passato e sentimentalismo è finito. Qui ho una grande squadra. Stiamo lavorando per sistemarla" dice l'allenatore della Juventus.

"Ci sono tanti giovani di valore e devono aver la voglia di migliorare. Insieme a loro ci sono anche giocatori più anziani, in primis CR7, Bonucci e Chiellini, che sono un valore aggiunto. Portano esperienza e devono essere di esempio. Stiamo iniziando un nuovo ciclo di lavoro", aggiunge Allegri.

In merito a Cristiano Ronaldo sottolinea: "E' un campione straordinario e un ragazzo intelligente. Ieri è tornato e abbiamo parlato, così come ho fatto con tutti. Gli ho detto che è un anno importante e che sono contento di ritrovarlo. Ha una responsabilità maggiore di tre anni fa, quando c'era una squadra molto esperta". "Oggi, oltre che mettere in campo le sue qualità, mi aspetto da lui cose anche sul piano delle responsabilità da uomo qual è", aggiunge Allegri .

"Dybala l'ho ritrovato bene, sia mentalmente che fisicamente. Ha tanti gol nelle gambe, è un valore aggiunto. Dopo Chiellini sarebbe il capitano della Juve come presenze. L'ho trovato molto motivato" dice l'allenatore della Juventus. "Sono molto contento della squadra per l'entusiasmo che mi hanno mostrato. C'è voglia di raggiungere gli obiettivi", sottolinea.

"Mercato? Sono in totale sintonia con la società. Insieme decideremo cosa si può fare e cosa no. Il mio lavoro è sempre quello dell'allenatore aziendalista, che è una parola che mi piace molto - dice il tecnico della Juventus - Devo portare risultati e accrescere il valore dei giocatori. Questo è il mio ruolo, come è sempre stato".

"Ringrazio anche le altre società che mi hanno cercato, poi però ho chiamato il presidente Agnelli e sono tornato qui. Sono responsabile della scelta che ho fatto, e sono grato per l'opportunità. Soprattutto di avere l'opportunità di tornare a vincere, che è quello che conta".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli