Allegri alla Juve, ma era tutto fatto con il Real Madrid: il retroscena

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·1 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Con la cartina dello stato USA del Minnesota (come il cavallo che giocò in gioventù), e poi con il dettaglio di una giacca lanciata a terra (quella famosa nella rimonta di Carpi), la Juventus, su Twitter, ha annunciato ufficialmente il ritorno in panchina di Massimiliano Allegri dopo due stagioni di pausa, ma soprattutto cinque scudetti di fila vinti. Poi il vero e proprio annuncio ufficiale dell'allenatore livornese.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Ma il quotidiano spagnolo AS, oggi, ha rivelato un clamoroso retroscena. Se per Allegri si parlava inizialmente di Roma, poi di Napoli e infine di Juve (con un blitz provato anche da Marotta per il dopo Conte all'Inter), nel frattempo si stagliava all'orizzonte l'interesse del Real Madrid. Un interesse che poi è sfociato in una vera e propria offerta con un contratto già pronto e solo da firmare dopo le dimissioni dalla panchina delle Merengues di Zinedine Zidane. Ma il richiamo di mamma Juve per Max Allegri, nonostante l'offerta triennale di Florentino Perez fosse economicamente più alta rispetto a quella poi firmata con la sua "vecchia" squadra, era troppo forte. Del resto... "al cuor non si comanda".

Segui 90min su Instagram.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli