Allegri vota Juventus: "Possiamo battere il Barcellona"

Quando mancano poco più di 24 ore al delicato match contro il Barcellona, valido per l'andata dei quarti di finali di Champions League, la Juventus sembra già pronta per scendere in campo. In conferenza stampa Massimiliano Allegri mostra moderato ottimismo.

"Sarà una partita bellissima da affrontare - ha esordito il tecnico - C'è la convinzione di poter battere il Barcellona anche se non sarà facile. I blaugrana sono ancora la squadra più forte, ma noi siamo cresciuti in stima e consapevolezza".

Quindi Allegri si sbottona leggermente sulla formazione che affronterà dall'inizio il Barcellona: "Domani i quattro davanti giocano tutti: non vedo perché dovrei rinunciare a loro".

Per il tecnico bianconero sarà fondamentale non subire goal ai fini della qualificazione: "Nella prima in casa non si deve prendere goal anche se sarà difficile. Dobbiamo giocare sulle debolezze dell'avversario".

PS Allegri Juventus Barcellona Champions League

Molti vedono in Dybala l'erede designato di Messi, ma Allegri preferisce muoversi con cautela: "Ha fatto passi da gigante da quando è arrivato. Messi è il numero uno al mondo e lo è ancora".

L'incredibile rimonta ai danni del PSG non ha lasciato indifferente l'allenatore: "Quella partita ci ha insegnato che nel calcio non c'è niente di scontato quando giochi a questo livello. Pensiamo a quella di domani e poi al ritorno, è un quarto importante come quello del Real e del Bayern, ne rimangono 2 dopo. Saranno 4 partite di grande spettacolo. Giochiamo con serenità e tecnica, oltre all'equilibrio im campo in fase difensiva".

Tuttavia, il Barcellona ha anche qualche punto debole: "Ti lasciano campo. Quando hanno palla diventano pericolosi. Bisogna stare dentro la partita . Un po' di spazio te lo lasciano. Quando c'è la Champions stanno tutti bene. Tensione non eccessiva, squadra consapevole dei propri mezzi, queste sono partite che giochi anche a livello psicologico. Pensiamo di poter passare se no non andiamo avanti".

Allegri non nega che ha ancora qualche dubbio da sciogliere: "Alex Sandro è in dubbio con Asamoah, ma stanno tutti bene. Domani sarà importante sia attaccare che difendere. Ci vorrà un pizzico di fortuna. Anche se sabato hanno perso domani saranno il vero Barcellona. Quando si giocano queste sfide bisogna giocarle col desiderio di andare avanti".

Infine il tecnico ci tiene a fare un saluto in particolare: "Vorrei chiudere questa conferenza facendo però un grosso in bocca al lupo a Giuseppe Rossi per questo ennesimo infortunio".

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità