Allegri: "De Ligt e Locatelli leader Juve". Il messaggio a Dybala

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

(Adnkronos) - I leader della Juventus in futuro? "Ce ne sono due, De Ligt e Locatelli. Manuel è stato un ottimo acquisto, in futuro potrà essere il capitano: ha le caratteristiche tecniche e morali che servono per giocare tanti anni alla Juventus". Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus, si esprime così nel corso di un'intervista a Dazn nello speciale TeoreMax. "Danilo è stato una piacevole sorpresa, quando parla non è mai banale e mette davanti la squadra. Un vero leader è silenzioso, deve parlare poco e deve mettere sempre davanti la squadra, è quest'ultima che lo riconosce come tale".

La Juve ripartirà senza Paulo Dybala, a cui la società bianconera non rinnova il contratto in scadenza. "Deve tornare a essere se stesso, c’è stato un momento in cui si è fatto trascinare dal fatto che era il nuovo Messi. Un giocatore non può emulare o pensare di essere un altro. Ha ancora tanto da dare: ha qualità tecniche straordinarie, gioca in modo divino", dice Allegri.

La Juve ha chiuso il campionato al quarto posto e, per la prima volta dal 2011, non ha alzato nemmeno un trofeo. "Milan, Inter e Napoli ci sono arrivate davanti in classifica ma non erano superiori a noi. Non abbiamo mai vinto negli scontri diretti: vuol dire che qualcosa ci è mancato sotto l'aspetto caratteriale o della gestione", osserva.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli