Altro che Lukaku, dove sarebbe oggi l'Inter senza Dzeko?

In molti iniziano a chiedersi dove sarebbe adesso l’Inter se avesse avuto Romeu Lukaku, ma forse la vera domanda da porsi è un’altra: dove sarebbero stati i nerazzurri (e forse anche Inzaghi) senza Edin Dzeko? Giusto che la copertina sia tutta del bosniaco, non del belga, ormai a margini da inizio stagione. A 36 anni suonati (37 a marzo), Dzeko si è messo la squadra sulle spalle e l’ha trascinata alla sosta regalandogli una classifica degna e due mesi meno funesti rispetto a quelli che si prospettavano dopo la sconfitta di Torino.

Qualcuno si è divertito a calcolare quanto è costato finora Lukaku all’Inter per ogni minuto trascorso in campo, circa 46.000 euro. Nessuno, invece, ha osato fare lo stesso tipo di conteggio per Edin Dzeko. Da questo punto di vista non ci sono dubbi: il bosniaco è stato un vero affare per l’Inter, che per il suo cartellino ha versato alla Roma poco più di un milione. Doveva essere un biennio e poi saluti, ma probabilmente non è così che andrà, perché l’Inter e Dzeko stanno trattando il rinnovo.

Da viale della Liberazione non hanno dubbi, Ausilio e Marotta vorrebbero confermare il bosniaco per un’altra stagione e i dialoghi sono già iniziati. Dzeko attende l’offerta nero su bianco, ma anche lui ha ancora voglia di competere in Europa e a Milano sta benissimo. Sei gol in campionato. Per adesso siamo a 9 gol e 4 assist in stagione. L’anno scorso ha chiuso con 17 gol e 10 assist. Il totale fa 26 gol e 14 assist in un anno e mezzo. Mica male per un 36enne. Senza considerare che la presenza di Dzeko ha un peso determinante anche all’interno dello spogliatoio e lo si è visto nel momento della spaccatura, quando ognuno andava un po’ per conto suo. Può sembrare esagerato, ma probabilmente l’operazione Dzeko è stata la più indovinata degli ultimi due anni.