Aluko, addio alla Juve: “Stanca di essere trattata come una ladra”

Aluko, addio alla Juve: “Stanca di essere trattata come una ladra”
Aluko, addio alla Juve: “Stanca di essere trattata come una ladra”

Davvero triste l’addio di Eni Aluko alla Juve dopo solo un anno e mezzo, ricco di successi ma anche di tante sofferenze legate al colore della sua pelle: “Questo fine settimana voglio giocare la mia ultima partita per la Juventus, portando a termine un anno e mezzo di grandi successi e tanto apprendimento“. In bianconero Aluko ha vinto un campionato femminile, una coppa nazionale e un Supercoppa in finale contro la Fiorentina.

Aluko saluta la Juve

Aluko ha voluto lanciare un messaggio fortissimo all’Italia, accusata di essere anni indietro in tema di integrazione: “A volte Torino sembra un paio di decenni indietro sul tema integrazione. Sono stanca di entrare nei negozi e avere la sensazione che il titolare si aspetti che io rubi qualcosa. Tante volte arrivi all’aeroporto e i cani antidroga ti fiutano come se fossi Pablo Escobar…“. Sicuramente, in un momento storico in cui il calcio femminile sta acquisendo sempre maggior rilevanza anche sotto l’aspetto mediatico, è una notizia che rattrista e deve far riflettere. A pochi giorni dal suo addio alla Juventus, Aluko ha voluto salutare anche il suo pubblico, elogiato per la vicinanza sempre mostrata: “La mia ultima partita è contro la Fiorentina, seconda classificata della scorsa stagione. È un match importante nella corsa al titolo contro una diretta concorrente. Non vedo l’ora di salutare i tifosi della Juventus che mi hanno mostrato rispetto e sostegno. Domenica torno a casa“.

Ora Eni Aluko si dedicherà ad un’altra tipologia di attività professionale, sempre legata al movimento calcistico che non la vedrà più protagonista: “Tra oggi e Natale lavorerò per Amazon seguendo le partite della Premier League, della WSL e facendo altre cose eccitanti come finire il mio libro. Molte persone vedono la fine dell’anno come un momento di riflessione e quindi per fare piani e fissare obiettivi per il futuro, e sicuramente lo farò anche io. Dopo 18 mesi il capitolo si sta chiudendo, in una lunga carriera. Tornerò a casa, dove tutto è iniziato, e ancora una volta sono entusiasta di ciò che il futuro ha in serbo“.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Potrebbe interessarti anche...