Alviti (ultras Lazio): "Trasferta vietata a Marsiglia? Ormai se uno alza voce è fascista"

·1 minuto per la lettura

"La trasferta vietata a Marsiglia mi sembra un giocoforza delle istituzioni francesi, una assurdità. I motivi saranno ben altri e sicuramente risalgono a molto tempo fa". Lo dice all'Adnkronos Yuri Alviti, ultras Lazio, commentando la chiusura delle frontiere francesi ai supporters biancocelesti definiti "violenti e fascisti".

"Ogni volta che uno alza la voce viene etichettato come fascista - aggiunge Alviti - Finché esiste il politicamente corretto non cambierà mai niente. E' oltretutto una discriminazione nei confronti del tifo laziale tutto, anche per quanti che col tifo violento o con i daspo non ha mai avuto a che vedere, famiglie magari, che approfittavano dell'occasione per qualche giorno fuori, dopo essersi goduti la partita".

(di Silvia Mancinelli)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli