Anastasi, il figlio: “Papà aveva la Sla. Ha voluto la sedazione”

notizie.it
anastasi
anastasi

Gianluca Anastasi in un’intervista rilasciata all’Ansa spiega la scelta del padre Pietro di voler essere assistito per la sedazione contro i dolori della SLA, per poi lasciare affetti familiari e amici in totale serenità.

Anastasi, il figlio: “Papà ha voluto andarsene”

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Il mondo del calcio, ma soprattutto quello dello sport piange la scomparsa di Pietro Anastasi, morto la notte del 17 gennaio. Il campione di Juventus e della Nazionale campione d’Europa del 1968 è morto a causa della SLA, una malattia che purtroppo negli ultimi anni ha colpito tanti sportivi.

A 24 ore dalla sua scomparsa, il figlio Gianluca ha voluto rilasciare un’intervista all’Ansa, dove spiega come sia stata decisiva la volontà del padre di andarsene così precocemente: “Papà aveva la Sla, che gli era stata diagnosticata tre anni fa dopo essere stato operato di un tumore all’intestino. Gli ultimi mesi sono stati davvero devastanti e lui giovedì sera quando era ricoverato all’ ospedale ‘di Circolo’ di Varese ha chiesto la sedazione assistita per poter morire serenamente“.

Il calvario di Pietruzzo

Sempre in questa intervista, il figlio ricostruisce gli ultimi momenti in vita del padre, prima che arrivasse la tragica decisione: “Mercoledì è entrato nell’Hospice, dove sono i malati terminali, e il giorno dopo ha deciso di essere sedato. Lui era cosciente anche se faceva fatica parlare-continua a descrivere i vari momenti con molta tristezza e malinconia il figlio Gianluca-ci ha salutato, mio fratello che vive in America, poi me e mia mamma, abbiamo chiacchierato una mezzoretta dei vecchi tempi e della vita bella insieme poi è arrivato il dottore, gli ha messo l’ago per la sedazione assistita. Ha scelto lui giovedì sera di andarsene. Ha chiamato mia mamma e ci ha detto di volerla subito. In 40 minuti si è addormentato e il giorno dopo papà è morto”- conclude tra le lacrime il figlio Gianluca.

Potrebbe interessarti anche...