Ancelotti è il miglior allenatore italiano degli ultimi 40 anni. Allegri meglio di Capello. Mancini e Conte i meno amati

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

L'impresa compiuta da Carlo Ancelotti con il suo Real Madrid in questa annata in Champions League ha dell'incredibile, ma l'allenatore emiliano ci ha ormai abituato a questo genere di risultati al punto che per lui ormai si sprecano in tutto il mondo soprannomi o appellativi altisonanti come "Re Carlo", l'"imperatore" e chi più ne ha più ne metta. I numeri parlano chiaro per l'ex tecnico di Milan, Juventus e Napoli (considerando i top club italiani da lui diretti), ma allargando il confronto ad altri allenatori italiani ci siamo e vi abbiamo chiesto: è lui il migliore degli ultimi 40 anni?

RE CARLO! - Abbiamo inserito l'allenatore del Real Madrid in una lista che comprendeva anche Trapattoni, Sacchi, Capello, Lippi, Mancini, Conte e Allegri e il risulato dei voti dei nostri lettori è stato netto e insindacabile: Carlo Ancelotti è per distacco il miglior allenatore italiano degli ultimi 40 anni con il 43,4% dei voti

LIPPI E SACCHI SUL PODIO - Dietro ad Ancelotti, ma fermatosi soltanto al 23,7% dei voti c'è un mostro sacro come Marcello Lippi, che anche grazie al Mondiale del 2006, riscuote un successo che va oltre quelli ottenuti con la Juventus. Sul gradino più basso del podio, nonostante le grandi rivoluzioni da lui stesso avviate, si ferma invece Arrigo Sacchi che ottiene il 16,07% di voti.

ALLEGRI - Il risultato a sorpresa di questa votazione è forse il quarto posto di Massimiliano Allegri, tanto odiato e criticato, ma i cui risultati (marchio di fabbrica il risultatismo) gli sono valsi il 5,7% dei voti piazzandosi davanti addirittura a Capello (3,2%) e Trapattoni (3,1%).

MANCINI E CONTE I MENO AMATI - Chi non è riuscito ad entrare nei cuori dei tifosi e a ritagliarsi un ruolo da protagonista sono infine Antonio Conte e Roberto Mancini. L'ex allenatore di Juve e Inter, oggi al Tottenham si ferma al 2,6% dei voti nonostante i titoli vinti con entrambe le squadre. A Mancini non bastano scudetti e l'impresa dell'Europeo per far dimenticare l'eliminazione dai Mondiali con la Macedonia. Il ct si piazza all'ultimo posto con solo il 2% dei voti.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli