Ancelotti e il nervosismo coi tifosi: "Mi insultavano, ho suggerito di tornare a casa"

Goal.com
Il Napoli passa sul campo della Fiorentina per 3-4. Ancelotti sui battibecchi con il pubblico: "Mi insultavano, ho suggerito di tornare a casa".
Il Napoli passa sul campo della Fiorentina per 3-4. Ancelotti sui battibecchi con il pubblico: "Mi insultavano, ho suggerito di tornare a casa".

La Serie A è tornata con il botto. Dopo la vittoria della Juve, il Napoli espugna il campo della Fiorentina con un 3-4 incredibile, in cui è successo di tutto. Alla fine ha deciso un colpo di testa di Insigne.


Al termine della partita è intervenuto Carlo Ancelotti ai microfoni di 'Sky Sport' parlando del nervosismo con i tifosi della Fiorentina a fine partita che si trovavano alle sue spalle durante la gara.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

"Per il Napoli è un campo ostico e un ambiente ostile. Ho perso il mio aplomb? Dopo 90 minuti di insulti ho suggerito alla gente che mi insultava di andare a casa che era ora".

Il tecnico ha inoltre affermato di avere una simpatia per la Fiorentina dovuta al tifo del padre, ragion per cui ha maggiormente sofferto la pioggia di insulti arrivata dal pubblico.

"Gli insulti danno fastidio, soprattutto per una squadra che simpatizzo perché mio padre era un grandissimo tifoso della Fiorentina. Purtroppo ci sono anche tanti ignoranti e alcuni di questi erano dietro la mia panchina”.

Ancelotti si è soffermato anche sul calciomercato e sulle voci che vorrebbero il Napoli interessato a un attaccante, esprimendo che forse potrebbe fare più comodo un innesto nel mercato arretrato.

“Un attaccante dal mercato? Magari serve un difensore…

Potrebbe interessarti anche...