Anche il Lione diventerà americano: in arrivo Gillet, portò Raikkonen in Nascar

Un'altra tessera del vasto mosaico di americanizzazione del calcio europeo sta per aggiungersi nei prossimi giorni. Come riferito dall'edizione odierna del quotidiano francese L'Equipe, anche l'Olympique Lione si appresta a passare in mani nordamericane. Il pretendente è il quarantaseienne Foster Gillett, figlio di George, ex proprietario del Liverpool (QUI). Gillett junior è pronto a rilevare le quote di due soci del Lione che hanno deciso di dismettere, Pathé e IDG Capital (proprietari di un 20% a testa) e a rastrellare altre quote che gli permetteranno di diventare socio maggioritario.

Si tratterebbe del punto d'arrivo di un'operazione cui ha alacremente lavorato Jean-Michel Aulas, architetto del grande Lione degli Anni Zero (quello dei 7 campionati vinti in sequenza) ma ormai troppo avanti con l'età per reggere un impegno così gravoso. Secondo quanto riferisce il quotidiano sportivo francese, l'offerta di Gillett (600 milioni di euro) sarebbe stata preferita a quella di altri investitori statunitensi. Fra questi c'è John Textor (comproprietario del Crystal Palace e maggiore azionista del Botafogo, dopo essere stato dato nei mesi scorsi come possibile acquirente del Benfica) e Iconic Sports, che detiene una quota dei Milwuakee Bucks, franchigia di NBA.

Tornando a Foster Gillett, anche il prossimo nuovo proprietario del club francese presenta un curriculum di esperienze sportive acquisite. Non tutte edificanti, a dire il vero. Oltre all'impegno del padre nel Liverpool (ricordato peraltro in modo negativo dai tifosi reds), si ha l'esperienza diretta in Formula Nascar, dove ha portato a gareggiare Kimi Raikkonen nella scuderia ICE1 Motorsport. Un'avventura molto difficoltosa, quella di Gillett junior in Nascar. Al punto da costituire un precedente tale da proiettare qualche dubbio sulle sue capacità da dirigente sportivo. Negli anni più recenti aveva provato a acquisire un club nel Regno Unito: dapprima il Derby County, poi gli scozzesi degli Hearts of Midlothian. In entrambi i casi gli ha detto male. Adesso sembra avere la strada spianata verso il campionato francese, dove gran parte dei club sono in mani straniere, a partire dai principali: PSG, Marsiglia e fra poco Lione. La Francia è ormai terreno di conquista per le proprietà estere. Esattamente come l'Italia.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli