Ancora un 2-0 per l'Italia, battuta la Lituania. Sensi e Immobile spingono Mancini: raggiunto Lippi

Matteo Baldini
·2 minuto per la lettura

La sosta per gli impegni delle Nazionali, più che mai densa di appuntamenti, arriva all'epilogo e lo fa con la trasferta dell'Italia di Mancini in Lituania, sfida valida per il girone C delle qualificazioni ai Mondiali di Qatar 2022. Gli Azzurri sono a punteggio pieno e intendono chiudere in bellezza, dopo i successi su Irlanda del Nord e Bulgaria, contro un avversario tradizionalmente favorevole. Non mancano sorprese di formazione: Toloi titolare, schierato come terzino destro dalla chiara propensione difensiva, ed El Shaarawy in campo dal primo minuto, con Chiesa in panchina.

Il sinistro di Sensi | Claudio Villa/Getty Images
Il sinistro di Sensi | Claudio Villa/Getty Images

In avvio l'Italia sembra pimpante, decisa ad attaccare fin da subito, ma la Lituania si copre con attenzione e lascia agli Azzurri i soli tiri dalla distanza per provare a insidiare Svedkauskas. A provarci è in particolare Pellegrini, il suo destro però finisce alto. Stesso destino per un tentativo del compagno di club dello stesso Pellegrini, El Shaarawy, che al 22' prova a rompere l'equilibrio. Le occasioni principali arrivano proprio sul finire del primo tempo: prima è il Faraone stesso a colpire male il pallone, a due passi dalla porta, poi Emerson ci prova dalla distanza ma trova la risposta di Svedkauskas.

Immobile spreca tanto ma segna allo scadere | Claudio Villa/Getty Images
Immobile spreca tanto ma segna allo scadere | Claudio Villa/Getty Images

La ripresa parte nel migliore dei modi per l'Italia e per il neo-entrato Sensi: Locatelli serve proprio il nerazzurro che, da fuori area, beffa il portiere col sinistro dopo essersi sistemato il pallone col destro. Subito dopo il gol del vantaggio gli Azzurri vanno a caccia del raddoppio con Bernardeschi, Pessina e Locatelli, Svedkauskas dice no allo 0-2. Inizia poi il duello tra Immobile e il portiere lituano, col centravanti della Lazio poco concreto che, di fatto, spreca occasioni nitide. Il riscatto di Immobile arriva nel recupero, su rigore conquistato da Barella e segnato proprio dall'attaccante biancoceleste: sul 2-0 azzurro arriva il fischio finale, terzo successo su tre partite disputate e Mancini eguaglia il record di Lippi con 25 risultati utili consecutivi.

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Serie A.