Antonio Rossi: "Con Galeazzi a Sidney, Olimpiadi indimenticabili"

·1 minuto per la lettura

"Sapevo che non stava bene, ma leggere la notizia mi ha lasciato veramente senza parole. Non è una cosa che mi aspettavo, l'ho sempre pensato come una persona forte e indistruttibile. Ancora non ci credo". Così all'Adnkronos il campione di canoa, Antonio Rossi, ricordando l'amico Giampiero Galeazzi. "Nei Giochi olimpici che ho fatto, che sono cinque, lui c'è sempre stato -racconta- da Barcellona '92. Mi ha dato un sacco di consigli e con le sue telecronache ha fatto appassionare tanta gente alla canoa. Sapeva trasmettere con emozione, essendo stato lui anche un nazionale del canottaggio".

"Sono molti i ricordi che ho con lui, anche a Sidney -continua Rossi- Eravamo andati lì qualche mese prima, lui usciva in gommone con Oreste Perri, ci seguiva agli allenamenti. Facevano fatica a starci dietro visto il peso -sorride- ma sapeva perfettamente i nostri punti deboli, i nostri punti di forza, ci parlava degli avversari, era molto competente, poi negli anni è nata un'amicizia, c'era davvero un grandissimo legame. Le sue telecronache sono indimenticabili, mi emozionano ancora".

(di Silvia Mancinelli)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli