Appassionati ma poco superstiziosi: i tifosi di calcio secondo Dazn

Red
·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 15 dic. (askanews) - Natale, uno dei momenti preferiti dell'anno per grandi e piccini. Ma è davvero così per tutti? Come lo vivono gli appassionati di sport con lo stop alle competizioni del cuore? La risposta è dipende, dipende dal tipo di tifoso: se si tratta di divanisti romantici, nostalgici, latin bomber o sportologi. In comune questi tifosi hanno sicuramente la passione ma la fede calcistica e i modi di professarla sono diversissimi, come è emerso da un sondaggio Dazn, condotto su quasi 2.000 appassionati di calcio.

Quasi la metà degli intervistati (il 45%) si riconosce nella categoria del "divanista romantico", un profilo tanto legato allo sport quanto al divano, postazione prediletta per assistere agli eventi sportivi e in cui annegare gioie e dolori (anche di schiena). Segue la categoria del "nostalgico", con una percentuale del 40% di tifosi, che più che legati ai colori delle maglie sono legati al bianco e nero della tivù, e che al Var preferiscono il Van ma solo se seguito da Basten. Di tutt'altra pasta è composta la categoria del "latin bomber" di cui fanno parte il 12% degli intervistati. Si tratta di appassionati sportivi che hanno in serbo cori da stadio anche per chiamare il bis a tavola e che al gioco dei mimi vengono sempre squalificati perché non hanno ancora capito che non vale mimare solo le esultanze dei giocatori. Ultima, ma non per importanza, la categoria dello "sportologo", composta dal 3% dei tifosi, percentuale che erano stati già in grado di prevedere grazie alla loro ossessione per i numeri, specie quelli dei numeri uno. Per loro la miglior difesa non è l'attacco ma quello che emerge dall'analisi delle performance precedenti.

Se questi sono i profili dei tifosi, ci sono alcuni elementi che però li accomunano: sono affezionati alla propria squadra del cuore che preferiscono seguire in tv, pragmatici e poco superstiziosi, ma incuriositi e affascinati dal calcio del passato e dai suoi campioni. Nel dettaglio la tv (o smart tv) rimane il mezzo prediletto con cui seguire lo sport, in vacanza e non, dal 60% degli intervistati che preferiscono guardare da soli, in estrema concentrazione, il proprio sport del cuore, rimandando la visione in compagnia solo per i veri big match. Tra gli sport preferiti da seguire durante la pausa della Serie A, troviamo in prima battuta il basket, seguito da ciclismo, rugby e motori.

A sorpresa i tifosi italiani si definiscono poco superstiziosi, col 59% degli intervistati che preferisce affidarsi a dati e statistiche per prevedere la performance della propria squadra del cuore e l'andamento del campionato. Rimane comunque una grande nostalgia, o curiosità, per lo sport di una volta: la maggior parte dei rispondenti (38%) vorrebbe come ospite al cenone un grande campione del passato, per conoscere aneddoti e segreti dell'epoca d'oro del calcio. Mette tutti d'accordo invece il regalo da tifoso ideale da trovare sotto l'albero: il 45% degli intervistati vorrebbe un gadget della propria squadra del cuore, da avere sempre con sé durante le lunghe sessioni di sport "da divano".

Quali che siano il profilo del tifoso e le sue preferenze, Dazn ha strutturato una programmazione, anche durante il periodo natalizio, trasversale che va dai nuovi episodi di "Linea Diletta", adatti per il divanista romantico, agli approfondimenti di Federico Balzaretti come "Palla a Balza" e "Identi-Kid" per gli sportologi passando per gli speciali di Pierluigi Pardo racchiusi nella serie "Parto con Pardo" ideali per i nostalgici e infine gli approfondimenti di Stefano Borghi come "Borghi Luna Park", "Borghi Land" per i latin bomber.