Argentina in crisi e senza Messi: la corsa Mondiale si complica

Quattro giornate alla fine del girone di qualificazione, una classifica insidiosa, la squalifica di Lionel Messi. Strada in salita per l'Argentina, chiamata a dare tutto per evitare un'esclusione dai Mondiali che avrebbe del clamoroso.

L'Albiceleste occupa il quinto posto nel raggruppamento sudamericano, scavalcata anche dal Cile vittorioso col Venezuela: il tutto a causa del brutto ko rimediato dagli uomini di Bauza in Bolivia, privi della 'Pulce' e di Higuain.

Il 'pupillo' Pratto ha tradito il ct, che pure ci sta mettendo del suo (vedi Aguero in panchina) per il resto la Seleccion ha confermato lacune tattiche e discontinuità di rendimento. Il tutto si traduce nei 22 punti ottenuti in 14 partite, che la costringeranno ad un rush finale al cardiopalma.

Eppure il cammino verso Russia 2018 dell'Argentina era iniziato con ottimismo: 14 punti nei primi 7 turni, poi il blackout seguito alle sconfitte con Paraguay e Brasile che hanno certificato i limiti di una squadra tanto 'corazzata' quanto 'groviera'.

PS Messi Argentina

Il prossimo impegno in Uruguay (31 agosto) ha quasi il sapore dello spareggio, visto il terzo posto della 'Celeste'; poi gli impegni casalinghi con Venezuela e Perù, infine la trasferta in Ecuador.

Tre di queste sfide non vedranno la presenza di Messi, fermato 4 giornate per insulti all'arbitro col Cile: il ricorso potrebbe far rientrare in anticipo la 'Pulce', ma i motivi per sorridere ad oggi sono pochi.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità