Argentina: posticipata la MXGP, rischia anche la MotoGP?

Matteo Nugnes
motorsport.com

Non si fa in tempo a prendere atto di una modifica al calendario della MotoGP che immediatamente ne arriva subito un'altra dietro l'angolo. Solo ieri, la FIM e la Dorna hanno annunciato di aver spostato il Gran Premio delle Americhe, posticipandolo dal 5 aprile a metà novembre.

In questo modo, la prima tappa stagionale della MotoGP (Il Motomondiale ha corso in Qatar domenica scorsa, ma senza la classe regina) è diventata il GP d'Argentina, previsto a Termas de Rio Hondo nel weekend del 19 aprile.

Anche questa però sembra poter essere a forte rischio, perché proprio nella serata di ieri la FIM ha annunciato di essere stata costretta a posticipare il GP della Patagonia di MXGP, che era fissato per il 21 e 22 marzo e che invece slitterà a fine stagione, nel weekend del 21 e 22 novembre.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Leggi anche:

MotoGP, Coronavirus: rinviato anche il GP degli Stati UnitiCoronavirus: il GP di Francia non è messo in dubbio

Il motivo ovviamente è l'epiedemia di Coronavirus, che ha iniziato a mietere le prime vittime anche in Argentina, inducendo così il Ministro della Salute a cancellare o posticipare tutti gli eventi internazionali che potrebbero attirare un pubblico numeroso.

Al momento dal circuito di Termas de Rio Hondo sono arrivate solamente rassicurazioni riguardo al regolare svolgimento del GP d'Argentina di MotoGP, ma è chiaro che ora la FIM e la Dorna dovranno monitorare con attenzione la situazione anche qui, perché il rischio che si debba aspettare di tornare in Europa per accendere i motori si fa sempre più concreto.

Potrebbe interessarti anche...