Atalanta da sogno, Gomez però ammette: "Andare in un top club? Mi piacerebbe"

Il gioiello dell'Atalanta, Gomez, non si sbilancia sul suo futuro: "Non amo promettere nulla. Se arrivasse un'offerta da un top club ci penserei".

Quella che sta vivendo l’Atalanta è semplicemente una stagione da sogno. La compagine nerazzurra infatti, non solo ha rappresentato la più bella sorpresa di questo campionato di Serie A ma attualmente, dopo ben 30 gare, è quinta in classifica, una posizione che le garantirebbe una quanto mai meritata qualificazione alla prossima Europa League.

Tra i grandi trascinatori della squadra allenata da Gasperini non si può non menzionare il Papu Gomez. Il campione argentino non solo ha offerto prestazioni di grandissimo spessore ma le ha condite con ben 14 reti accompagnate da 8 assist.

Gomez, intervistato dal Corriere della Sera edizione di Bergamo, ha spiegato: “Gioco più vicino alla porta e i risultati mi danno più fiducia, provo e mi riescono numeri che in altri momenti non tenterei nemmeno. Ma senza la squadra non avrei fatto nulla. Tutto il gioco aiuta, dalle sovrapposizioni di Spinazzola alle sgroppate di Conti. La posizione di Kurtic. Il lavoro di Petagna, per me fondamentale. Ce ne sono pochi in grado come lui di tenere il pallone”.

Vista la qualità delle sue prestazioni è normale che si parli molto di lui in ottica calciomercato: “Io non amo promettere nulla. Se arrivasse l’offerta di un top club, ci penserei seriamente perché avrei voglia di provare un grande palcoscenico, magari la Champions. Cambiare per una squadra «minore» solo perché è qualificata per l’Europa non avrebbe senso. Un errore che ho già commesso quando mi sono trasferito a Donetsk”.

Gomez ha spiegato cosa dovrebbe fare l’Atalanta per convincerlo a non andare via: “Propormi un rinnovo e non smantellare la squadra. Se accadesse mi arrabbierei, ma ci sono le condizioni perché tutto si sistemi, eventualmente. Magari uno o due sacrifici ci stanno, a patto di avere rimpiazzi adeguati. Anche dal settore giovanile, ma non possiamo sperare che ogni anno spunti un Gagliardini. Guardate Conti, per arrivare a questi livelli ha impiegato tre stagioni. Abbiamo una società seria e un tecnico intelligente. Sono ottimista per tutto”.

 

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità