Atalanta, Gomez rivela: "Guardiola ha detto che affrontarci è come andare dal dentista"

Il Papu Gomez ha parlato dopo il pareggio dell'Atalanta con il City: "Quello che facciamo noi in Italia, in Europa lo fanno tutti".
Il Papu Gomez ha parlato dopo il pareggio dell'Atalanta con il City: "Quello che facciamo noi in Italia, in Europa lo fanno tutti".

La partita giocata questa sera a 'San Siro' fra Atalanta Manchester City in Champions League è stata ricca di emozioni e di spunti interessanti: ha parlato ai microfoni di 'Sky Sport' anche il 'Papu' Gomez che ha rivelato le parole di Guardiola.

"Guardiola mi ha detto che affrontare l’Atalanta è come andare dal dentista. Dispiace perchè nel momento che c'era Walker in porta non siamo riusciti ad arrivare con chiarezza davanti alla porta per calciare. Questo è il dispiacere che abbiamo".

Il tecnico catalano la stima nei confronti della squadra allenata da Gasperini non l'ha mai nascosta e anche al 'Papu', al termine della partita, ha voluto ribadire a suo modo quanto sia difficile giocare contro i bergamaschi. Il capitano dell'Atalanta, però, ha voluto spiegare le motivazioni per cui secondo lui sia così difficile giocare in Europa per le squadre italiane.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

"Cosa cambia per noi fra A e Champions? Il ritmo. Lo avevamo notato in ritiro, giocando in Inghilterra e in Spagna, dove peraltro avevamo quasi sempre perso. Lì vanno il doppio, difendono poco, vogliono sempre vincere. Il calcio italiano è più lento, di posizione. Il pressing lo fanno a mille mentre in Italia non c'è nessuna squadra che ti pressa".

Intanto però per la qualificazione dei bergamaschi agli ottavi di finale, che sembrava praticamente impossibile prima di questa sera, si è acceso un barlume di speranza. L'attaccante argentino ha voluto ricordare ai tifosi e ai compagni che è ancora tutto possibile.

"Siamo contenti. Abbiamo avuto la fortuna che lo Shakhtar ha pareggiato alla fine e questo ci dà ancora vita nella competizione".

Potrebbe interessarti anche...