Atalanta: la Coppa Italia non sarà l'ultima vetrina per il treno Gosens: uomo-chiave da 25 milioni, sarà asta

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·2 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Malinovskyi in crescita, Muriel esploso, Zapata incontenibile. L'ormai non più favola ma solida realtà Atalanta può vantare numerosi punti di forza, ma c'è un giocatore che più di tutti rappresenta ed incarna il percorso di crescita firmato a Zingonia da Gian Piero Gasperini: Robin Gosens. Il terzino tedesco è atteso come uno dei protagonisti assoluti delle prossime settimane e si, non solo della finale di Coppa Italia che mostrerà già alcuni dei più importanti intrecci di mercato.

UOMO CHIAVE - Il terzino tedesco classe 1994 è nel pieno della sua maturità e da quando è a Bergamo i suoi numeri sono in costante ascesa. In stagione ha all'attivo 42 presenze con 12 gol e 8 assist fra campionato, Champions League e Coppa Italia. Ma il dato che rende Gosens ancora più centrale è dovuto ai suoi momenti di assenza perché senza di lui nei big match saltati contro Liverpool, Inter e Lazio sono arrivate 2 sconfitte e un pareggio.

NON SARA' L'ULTIMA VETRINA - La finale di Coppa Italia contro la Juventus di questa sera sarà ovviamente un banco di prova importantissimo per il treno mancino nerazzurro, ma non sarà l'ultimo prima di un'estate che lo vedrà fra i protagonisti assoluti. La Germania ha infatti confermato che sarà fra i convocati in vista degli Europei in cui la nazionale tedesca potrebbe giocare ancora una volta un ruolo da protagonista facendo schizzare il costo del suo cartellino.

25 MILIONI D'ASTA - Un costo che per l'Atalanta oggi è fissato in 25 milioni di euro. Vi avevamo raccontato (LEGGI QUI), infatti, che quella è stata la base d'asta su cui il Leicester stava trattando con il club bergamasco. Oggi però le Foxes non sono più così certe di un piazzamento in Champions e il vantaggio accumulato nella trattativa potrebbe disperdersi agevolando il ritorno di fiamma di club come la stessa Juventus, che lo sta monitorando da tempo, ma anche di Inter (alle prese con i ben noti problemi societari) e Napoli che più volte hanno avuto abboccamenti per lui. L'asta estiva è pronta a scatenarsi, prima però c'è un titolo da regalare alla città che l'ha reso grande. Bergamo sogna e aspetta.