Atalanta, sondaggio per Kouamé: si pensa a uno scambio con la Fiorentina

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Dopo la mancata qualificazione in Europa, l’Atalanta volta pagina ed è già al lavoro per la prossima stagione. Il presidente Percassi aspetta il nuovo ds Tony D’Amico dal Verona, e intanto conferma ancora Gasperini: “Starà con noi al 100%”.

L’IDEA - Ora, si pensa al campo. L’Atalanta vuole rinforzarsi in attacco e l’ultima idea è quella che porta a Christian Kouamé, che rientrerà alla Fiorentina dopo il prestito all’Anderlecht. L’attaccante classe ‘97 in Belgio ha totalizzato 13 gol e 10 assist, decisivo in quasi tutte le 36 presenze che ha giocato con la squadra di Kompany. Dopo l’esperienza all’estero è pronto a rientrare in Italia, con l’Atalanta che sta pensando di fare un tentativo.

LO SCAMBIO - I nerazzurri si sono già informati sul giocatore e da parte della Fiorentina c’è apertura a sedersi a trattare formula e cifre: la valutazione si aggira intorno ai 10 milioni di euro, ma l’Atalanta sta pensando di inserire una contropartita per provare a costruire uno scambio. L’idea è quella di mettere sul piatto Pierluigi Gollini, che tornerà a Bergamo dopo l’esperienza al Tottenham (10 presenze da vice Lloris), ma in nerazzurro è chiuso da Musso e quindi potrebbe ripartire subito.

LA PORTA VIOLA - Alla Fiorentina Gollini farebbe comodo. C’è Dragowski in uscita - piace in Premier e in Bundesliga - e i viola sono a caccia di un portiere che possa prendere il suo posto. Diversi i profili valutati e primi contatti con Vicario, ma l’idea Gollini potrebbe prendere corpo. L’Atalanta è interessata a Kouamé, la Fiorentina apre alla cessione.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli