ATP World Tour Finals - Djokovic, una rimonta da finale

Il serbo vola in finale delle ATP Finals superando un Del Potro che per un set e mezzo è praticamente perfetto: 4-6, 6-3, 6-2 il punteggio finale a favore di Djokovic. Con lui in finale il vincente della sfida tra Murray e Federer

Eurosport
ATP World Tour Finals - Djokovic, una rimonta da finale
.

Visualizza foto

Il discorso è piuttosto semplice: quanto ancora “fa notizia”una rimonta di Novak Djokovic? Il numero 1 della classifica ATP supera in 3 set Juan Martin Del Potro al termine di un match molto combattuto (per un set e mezzo) e assolutamente gradevole, e vola così in finale delle ATP Finals di Londra. Ad impressionare, però, è ancora una volta la capacità del ragazzo di Belgrado di tirarsi fuori da situazioni limite – gli ultimi due match con Murray vi dicono qualcosa? – e ribaltare a suo favore una partita quasi compromessa: sotto di un set e di un break nel secondo, Djokovic cambia marcia, ritrova se stesso e chiude con il punteggio finale di 4-6, 6-3, 6-2 in poco più di due ore. Ad attenderlo in finale uno tra Andy Murray o Roger Federer.

JUAN MARTIN DA URLO - Se alle arrampicate impossibili dello scalatore Djokovic gli amanti del tennis sono ormai abituati, a far notizia nella domenica pomeriggio londinese è un Del Potro decisamente vicino ai livelli del suo magico 2009. Certo, non c’è uno slam a supportare la cosa, ma nemmeno si può non tenere conto di un dato: in questo 2012 il ragazzo di Tandil, con i suoi 67 incontri vinti, ha sfoderato il suo record di vittorie in carriera. E la prestazione di oggi suggella comunque quella che per lui è un ottima annata.

LA CHIAVE TATTICA DEL GENERAL DEL POTRO - Del Potro scende infatti in campo decisamente concentrato e con un paio di idee ben precise su come sabotare il piano di battaglia che ogni giocatore contro di lui vorrebbe mettere in pratica: farlo muovere lungo la linea di fondo. L’argentino, per evitare tutto ciò, mette in mostra due armi: prima di servizio devastante e accorciamento più possibile degli scambi, quest’ultimo unito poi a una variazione dei colpi che non faccia mettere troppo in ritmo la regolarità di Novak Djokovic.

A SEGNO - E il piano riesce. Del Potro è praticamente perfetto per tutto il primo set, riuscendo a salvare un paio di palla break dopo la consueta partenza da motore diesel anni ’80 e ingranando alla grande dal sesto gioco in poi. L’argentino fa male con il suo terrificante dritto, entra per primo nello scambio e impedisce a Djokovic di comandare il gioco dal fondo come il suo avversario vorrebbe. Il risultato? Un blackout totale del serbo che dall’ottavo gioco improvvisamente perde la prima, non trova precisione nei colpi che dovrebbero far muovere l’avversario e si ritrova un parziale di 12 punti a 1 a favore di Del Potro che gli costano il primo set.

ALLUNGO DECISIVO? - Del Potro, galvanizzato dal finale spumeggiante e da una tattica perfetta, prova ad inserire l’allungo decisivo anche a inizio secondo set quando Djokovic, ancora alle prese con una prima di servizio momentaneamente fuori uso, si fa infilare un break a zero che per un comune mortale sarebbe il classico colpo del ko.

NO SE DALL'ALTRA PARTE C'E' DJOKOVIC - Novak Djokovic, però, per l’ennesima volta, dimostra al mondo di essere tutto fuorché "uno qualsiasi" e con mezza gamba già nello spogliatoio, decide di invertire la rotta e presentarsi per la solita, puntuale, quasi scontata rimonta. Del Potro vacilla leggermente nel momento di confermare il break, Djokovic non lo fa mai avvicinare al punto del 3-1 e trovato il controbreak al termine del game più lungo della gara, ritrova se stesso e la famosa tattica che avrebbe voluto applicare sin dall'inizio.

Visualizza foto

.

IL CROLLO FISICO DI DELPO - Sì perché da quel momento Djokovic entra in ritmo, ritrova la prima e muove Del Potro come mai aveva fatto dall’inizio del match. Contemporaneamente, dall’altra parte della rete, la reattività fisica inizia venire meno e la partita si tramuta in uno spettacolo già visto. Il serbo trova il break nell’ottavo gioco del secondo set e chiude per 6-3, allungando poi anche ad inizio del terzo e chiudendo in assoluto controllo un set che, di fatto, non entra mai in discussione.

IN POLTRONA - Per Djokovic, ora, il vincente della sfida tra Andy Murray e Roger Federer. In attesa di una nuova rimonta, il serbo potrà godersi lo spettacolo dalla stanza d’albergo e recuperare le forze. Che all’11 di novembre, dopo un anno di fatiche, resta comunque un piccolo vantaggio.

Visualizza commenti (11)
  • De Fabiani come un treno! Secondo in volata nella 15 km di Falun

    De Fabiani come un treno! Secondo in volata nella 15 km di Falun

    Splendido Francesco De Fabiani è autore di una volata incredibile nella mass start svedese: resta solo alle spalle del vincitore Ustiugov, mentre si "mangia" clamorosamente il leader di Coppa del Mondo Sundby Altro »

    Eurosport Videos - IT - 24 minuti fa
  • Ferrari 2016, prove del sedile per Iceman

    Ferrari 2016, prove del sedile per Iceman

    Ultimi lavori a Maranello prima della presentazione della vettura sul circuito di Barcellona Altro »

    Omnisport - 44 minuti fa
  • LIVE PRIMAVERA - Pro Vercelli, Salvalaggio a Sportitalia: "Sono comunque soddisfatto, contro questa armata ci siamo adeguati. Abbiamo pagato gap fisico …

    LIVE PRIMAVERA - Pro Vercelli, Salvalaggio a Sportitalia: "Sono comunque soddisfatto, contro questa armata ci siamo adeguati. Abbiamo pagato gap fisico …

    Luca Salvalaggio, tecnico della Primavera della Pro Vercelli, ha commentato la sconfitta con la Juventus ai microfoni di Sportitalia: " Uscite comunque a testa alta... "E' normale che per raggiungere qualcosa in queste partite gli episodi ti devono girare quasi totalmente a favore. Le nostre occasioni le abbiamo avute, anche nel secondo tempo, per poter segnare, non l'abbiamo fatto. Sono soddisfatto di come i ragazzi hanno interpretato la partita, perchè abbiamo snaturato un po' quelle che sono le nostre idee, di solito cerchiamo di proporre di più calcio, però contro questa armata ci siamo un po' adeguati. Sono soddisfatto". Cosa le è piaciuto dei suoi ragazzi? Quale tra i gol subiti l'ha fatta arrabbiare di più? "Tutti e tre. Nel primo, il cross poteva essere letto sicuramente meglio, potevamo mettere una pezza. Sugli altri ci sono state delle palle lunghe e la lettura poteva essere fatta sicuramente molto meglio. La Juve comunque non è che abbia rubato, anzi. Sono molto soddisfatto perchè abbiamo tenuto bene il campo, considerando il blasone delle de squadre, l'età conta anche quella... noi abbiamo giocato con i '97, '96 e tutti i '98 e la differenza di età si è sentita". Meritavate qualche punto in più in classifica... "Sicuramente sì, però lo abbiamo messo in preventivo perchè quest'anno stiamo un po' ripartiti a livello di Primavera. L'anno scorso eravamo forse una delle squadre più vecchie, mentre quest'anno siamo sicuramente una delle più giovani. Abbiamo pagato oltre che dal punto di vista fisica, anche da quello dell'esperienza, abbiamo lasciato tanti punti nel girone d'andata proprio per ingenuità. Il prossimo anno questi ragazzi, affrontando di nuovo un campionato Primavera, avranno la possibilità di fare meglio". Altro »

    Sportitalia Video - 1 ora 5 minuti fa
  • LIVE PRIMAVERA - Grosso a Sportitalia: "Sono molto soddisfatto, bravi i ragazzi a portare a casa gara non facile"

    LIVE PRIMAVERA - Grosso a Sportitalia: "Sono molto soddisfatto, bravi i ragazzi a portare a casa gara non facile"

    Fabio Grosso commenta il successo sulla Pro Vercelli ai microfoni di Sportitalia: Grosso, numeri impressionanti. Quindici vittorie di fila considerando la Coppa Italia. Ci sono tanti motivi per essere soddisfatto... "Ce ne sono tantissimi, infatti sono molto soddisfatto. Stiamo facendo bene da un po' e continuo a ripeterlo. Il discorso è che quello che facciamo fa parte del passato e quindi dobbiamo continuare a fare bene che è la cosa più importante perchè mancano ancora diversi mesi e abbiamo ancora voglia di fare qualcosa di bello fino alla fine". E' stata la vittoria della pazienza e della maturità. "Lo avevo detto ai ragazzi che sarebbe stata una partita difficile, fastidiosa. Abbiamo giocato dopo tutte le altre, in tante avevano perso dei punti ed era una bella occasione da non farsi sfuggire. Sapevo benissimo che non sarebbe stata facile, infatti così è stato, però siamo stati bravi a tratti a fare quello che sappiamo fare molto più spesso e a portare a casa una partita non facile". Quanti margini di miglioramento ha questa squadra? "Io che vedo tutti i giorni i ragazzi in allenamento, so che ci sono tantissimi ragazzi che non stanno avendo tanto spazio ma hann una qualità immensa, quindi quello è il grande margine che abbiamo, di essere bravi a coinvolgerli tutti. Sicuramente ci saranno le occasioni e farsi trovare presenti come stiamo facendo. E' un gruppo che ha qualità non solo negli undici che più spesso calcano il campo ma anche negli altri che in questo momento stanno trovando meno spazio, ma sono sicuro che avranno le occasioni giuste per mettersi in mostra" Altro »

    Sportitalia Video - 1 ora 53 minuti fa
  • LIVE PRIMAVERA - Di Massimo a Sportitalia: "Il gol? Quando il mister mi chiama in causa cerco di dare il meglio. Oggi era importante vincere e lo …

    LIVE PRIMAVERA - Di Massimo a Sportitalia: "Il gol? Quando il mister mi chiama in causa cerco di dare il meglio. Oggi era importante vincere e lo …

    Alessio Di Massimo, attaccante esterno della Juventus Primavera, autore del terzo gol alla Pro Vercelli, commenta la gara ai microfoni di Sportitalia:  Sei entrato a freddo, ma da grande attaccante ti sei fatto trovare subito pronto... "Certo, quando il mister mi chiama in causa cerco di dare il meglio e di fare gol per la squadra, per me, per i compagni e per la classifica. Oggi era importante vincere e lo abbiamo fatto". Anche a livello psicologico quando è importante questo successo? "Ci voleva, perchè sapendo che gli altri si erano fermati, dovevamo distaccare gli altri. Il mister ci ha detto di essere subito concentrati e di vincere la partita a tutti i costi e così abbiamo fatto". Altro »

    Sportitalia Video - 2 ore 8 minuti fa