Attacco al pullman del Borussia Dortmund, arrestato un islamico

Proseguono le indagini della polizia tedesca: esclusa la pista degli estremisti di sinistra, è stato fermato un sospettato di religione islamica.

Il giorno dopo i momenti di terrore vissuti a Dortmund, con il pullman del Borussia Dortmund colpito da tre esplosioni e il ferimento tra gli altri del giocatore giallonero Marc Bartra (operato con successo stamattina), continuano le indagini della polizia tedesca per individuare responsabili e moventi.

Secondo quanto riferisce la polizia tedesca, una delle tre lettere ritrovate sul luogo dell'esplosione fa riferimento ad 'Allah', agli aerei tedeschi in Siria e all'attacco di Berlino avvenuto nel periodo di Natale. Le cause sono ancora da accertare, ma stamattina le autorità locali hanno perquisito stamattina le abitazioni di due sospettati di religione islamica, arrestando alla fine uno di loro. Nel comunicato diramato nel primo pomeriggio, si sottolinea come gli ordigni "fossero nascosti dietro a dei cespugli e rinforzati con chiodi, uno dei quali è stato trovato conficcato in un poggiatesta del pullman".

Nello specifico, la lettera che rivendica l'attacco al pullman inizia recitando "In nome di Allah, il Compassionevole, il Misericordioso" e prosegue affermando che gli aerei tedeschi "sono coinvolti nell'assassinio dei musulmani nel Califfato dello Stato Islamico. La Germania è stata inserita con le altre nazioni crociate in un elenco di morte da parte dello Stato Islamico".

Frauke Koehler, portavoce della procura federale, ha dichiarato che "tenendo conto del modus operandi si può ipotizzare che si tratti di un attacco a matrice terroristica. Ci risulta che una matrice terroristica islamica sia possibile", aggiungendo come si "trattasse di un attacco mirato contro la squadra". Sulla seconda pista, quella legata a estremisti di sinistra, la Koehler ha invece precisato che "la rivendicazione apparsa online è stata esaminata. Abbiamo serissimi dubbi sulla sua autenticità". Secondo quanto riferisce la 'Bild', la polizia sarebbe inoltre alla ricerca di una vettura in fuga con targa straniera.


Nel frattempo il cancelliere tedesco Angela Merkel si è detta "inorridita" dai fatti avvenuti ieri sera, come riferisce il suo portavoce Steffen Seibert: "Il cancelliere ieri sera, come tutte le persone a Dortmund e come milioni in tutto il mondo, è rimasta inorridita dall'attacco al pullman del Borussia. E' comunque rimasta sollevata dal fatto che non si sono verificate conseguenze peggiori. Gli investigatori stanno facendo tutto quanto in loro potere per rintracciare l'autore o gli autori dell'attacco".

 

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità