Australia contro Novak Djokovic, nuovo documento del Governo complica la strada verso gli AO

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·2 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Novak Đoković
    Novak Đoković
    Tennista serbo
Novak Djokovic
Novak Djokovic

Il tennista serbo Novak Djokovic è stato recentemente al centro dei riflettori e di molte polemiche. Non è accaduto per delle questioni sportive, ma per la vicenda riguardante il vaccino anti-Covid e la sua partecipazione agli Australian Open 2022.

A breve si terrà l’udienza per il ricorso presentato dall’atleta dopo che gli è stato rifiutato il visto d’entrata per l’Australia. Ora è stato rivelato un documento fondamentale per tale procedimento legale.

Leggi anche: Novak Djokovic presenta ricorso contro l’Australia: espulsione sospesa 5 giorni

Novak Djokovic, la vicenda australiana e l’udienza

Per mesi vi sono state molte perplessità sulla partecipazione di Novak Djokovic agli Australian Open. Infatti, il tennista non si è mai voluto sottoporre al ciclo vaccinale contro il Covid e l’Australia ha regole molto ferree a riguardo.

All’ultimo l’atleta è riuscito, però, ad ottenere un’esenzione medica. Documento che è sembrato, in un primo momento, garantirgli la possibilità di giocare.

Tuttavia, una volta arrivato in Australia, Novak Djokovic si è visto respingere il visto. Poi è stato interrogato e condotto in un hotel in isolamento. Ha, quindi, deciso di far partire un ricorso.

Tale procedimento giudiziario comincerà nella mezzanotte del 10 gennaio (ora italiana). La sede scelta è il Tribunale di Melbourne, dove si pronuncerà la Federal circuit and family court of Australia.

Il documento del governo australiano contro Novak Djokovic

Gli avvocati che rappresenteranno il Governo australiano hanno già reso pubblico un documento con alcuni punti che tratteranno durante l’udienza. Punti che andranno a spiegare il perché delle misure prese contro il numero 1 del tennis mondiale.

Nel testo si legge: “l’infezione da Covid non è una sufficiente motivazione per ottenere l’esenzione medica e Novak Djokovic non ha fornito ulteriori prove di controindicazione al vaccino“.

Inoltre, viene sottolineato che non vi sono “garanzie di ingresso da parte di un non cittadino australiano nel Paese. Esistono, infatti, criteri per l’ingresso e ragioni per cui il visto può essere annullato o rifiutato“. E ancora: “L’Australia, in quanto paese sovrano, mantiene la massima discrezionalità su chi lascia entrare nel suo territorio“.

Novak Djokovic, quasi impossibile la partecipazione agli Australian Open

Il documento sembra, in ogni caso, rendere molto difficile, se non impossibile, per Novak Djokovic giocare gli Australian Open. Infatti, al suo interno viene affermato: “Anche se Djokovic avesse successo nel suo ricorso contro la decisione iniziale, l’Australia per legge conserva il diritto di trattenere nuovamente Djokovic“.

Leggi anche: Djokovic in Australia rompe il silenzio: “Grazie per il supporto, lo apprezzo molto”

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli